Navigation

Una nuova Calais nel cuore dell'Unione europea

Bruxelles come Calais. La maggior parte sono cittadini eritrei ma non solo. Si sono accampati in un parco a Bruxelles in attesa di raggiungere la Gran Bretagna. Molti sono stati scacciati proprio da Calais. Nasce così proprio nel cuore dell'Unione europea l'emergenza migranti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 settembre 2017 - 08:37
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Sono giovani uomini, sbarcati e registrati in Italia, e arrivati a Bruxelles passando attraverso la Francia. In un parco cittadino - davanti all'Ufficio degli stranieri - sono più di 500. Ma a differenza dell'emergenza di Calais, qui i migranti non hanno un tetto e vivono in condizioni precarie. I rischi sanitari ormai incombono e i rapporti con chi abita nel quartiere si fanno tesi.

Ogni giorno la polizia interviene. E ogni giorno la scena si ripete. Questi migranti, eritrei ma anche iracheni e sudanesi non hanno l'intezione di chiedere l'asilo al Belgio. Il sogno di tutti è quello di raggiungere il Regno Unito. Proprio per questo motivo le autorità belghe non intendono aprire un centro di accoglienza: se vogliono restare in Belgio facciano domanda, se vogliono andare altrove, che vadano...

Un servizio dalla capitale belga del nostro corrispondente.



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.