Navigation

Penuria di informatici nei prossimi anni in Svizzera

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 13 settembre 2018 - 13:11
tvsvizzera/ats/spal con RSI (Tg del 13.9.2018)

In Svizzera rischiano di mancare 40'000 informatici nei prossimi 8 anni. Lo dice uno studio pubblicato giovedì secondo il quale occorre un piano specifico per rispondere alle future necessità dell'economia elvetica.

Oltre alla domanda crescente di digitalizzazione di numerosi servizi nel commercio, nella finanza e nell'amministrazione, indica la ricerca pubblicata da ICT Formazione professionale, il mercato si trova a dover affrontare la perdita di una quota importante di manodopera dovuta ai previsti pensionamenti che subiranno un'accelerazione del 43% nei prossimi anni. Per questo motivo vengono invitate imprese e amministrazioni pubbliche a incrementare i posti d'apprendistato in questo settore cruciale per l'economia nazionale.

Sebbene infatti questo ramo abbia potuto godere dal 2010 di un incremento del 29% di tecnici informatici – per un totale di 199'200 -, nel 2016 gli impieghi necessari in Svizzera non saranno meno di 236'200.

Degli 88'500 nuovi posti previsti solo 31'500 potranno essere coperti dai futuri diplomati e 16'700 attingendo dall'estero: mancheranno quindi all'appello 40'000 informatici, se non si riuscirà a prendere provvedimenti mirati. Gli ambiti più richiesti sul mercato riguardano la programmazione, la consulenza informatica, lo sviluppo e lo stoccaggio di dati in remoto.    

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.