Mercato del lavoro Cala il lavoro nero, in leggero aumento il dumping salariale

tre persone in un cantiere

Quello dell'edilizia è uno dei settori più controllati dagli ispettori cantonali del lavoro.

Keystone / Gaetan Bally

L'anno scorso i casi di lavoro nero in Svizzera sono diminuiti, mentre quelli di abusi salariale hanno fatto registrare una lieve crescita. È quanto emerge da due rapporti pubblicati giovedì.

Da quando è entrata in vigore la libera circolazione delle persone tra UE e Svizzera, la Segreteria di Stato dell'economia (Seco) monitora regolarmente la situazione per quanto concerne le cosiddette misure collaterali, ossia quei provvedimenti presi per proteggere i lavoratori che risiedono in Svizzera dal fenomeno del dumping salariale e garantire condizioni di concorrenza identiche tra le imprese elvetiche e quelle estere.

Nel 2019 - si legge nel comunicato Link esternodiramato giovedì dalla Seco - sono state controllate 41'305 imprese e più di 160'000 persone per verificare il rispetto delle condizioni salariale e lavorative.  

Tra i lavoratori distaccati - ossia collaboratori inviati in Svizzera da imprese estere per un determinato periodo - "la quota di inosservanza dei contratti collettivi di lavoro è aumentata dal 20 al 21%", rende noto la Seco. Presso i datori di lavoro svizzeri gli abusi salariali sono invece diminuiti: dal 12 all’ 11%, mentre tra i prestatori di servizi indipendenti, su 5'993 controlli svolti è stata rilevata una presunta infrazione nell'8% dei casi.

I dati, osserva ancora la Seco, non sono rappresentativi per l'intero mercato del lavoro, poiché vengono controllati in particolare i settori più esposti a queste problematiche.

Lavoro nero

Per quanto concerne il lavoro nero, i controlli aziendali sono stati 12'181 e le persone controllate 34'965. Le verifiche si sono focalizzate sul settore dell'edilizia, sulla ristorazione e sul commercio al dettaglio.

I controlli hanno portato alla segnalazione di 12'554 casi sospetti, il 20% in meno rispetto all'anno precedente.

Gli organi cantonali di controllo hanno appurato infrazioni in 3'356 casi, 778 in meno del 2018.

In Svizzera il lavoro nero è un fenomeno relativamente marginale. Stando alle cifre dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, l'economia sommersa rappresenta circa il 5% del prodotto interno lordo elvetico. In certi paesi europei, ad esempio Grecia, Italia, Belgio e Spagna, la proporzione è di quasi il 20%.

Il servizio del TG:


Parole chiave