La televisione svizzera per l’Italia

Maternità surrogata, in Svizzera è vietata e poche coppie vanno all’estero

Maternità surrogata proibita dal 2001 in Svizzera
Maternità surrogata proibita dal 2001 in Svizzera Copyright 2022 The Associated Press. All Rights Reserved.

La Costituzione federale proibisce questa pratica ma i numeri del fenomeno sono comunque esigui. Nel 2019 solo tre casi hanno riguardato coppie omosessuali recatesi oltreconfine.

In Italia la maggioranza di centro-destra al Governo ha fatto della lotta alla maternità surrogata uno dei suoi cavalli di battaglia. La Camera dei deputati ha approvato mercoledì la proposta di legge che rende l’utero in affitto, già vietato dall’ordinamento giuridico, un reato universale, autorizzando così il perseguimento penale delle coppie che a tale scopo si recano all’estero. A meno di clamorose sorprese il testo sarà adottato anche da Palazzo Madama.

Questa pratica è vietata anche in Svizzera, dall’ormai lontano 1° gennaio 2001, per espressa previsione della Costituzione federale (art. 119 cpv. 2 lett. d). Alcune coppie si recano all’estero per eludere gli ostacoli giuridici interni ma le cifre esatte consentono di valutare la portata reale del fenomeno.

Contenuto esterno

Nel 2019 sono state almeno 28 le persone (o coppie) che si sono recate all’estero per ricorrere a una gestante sostitutiva, secondo quanto emerge da uno studio sulla mobilità per scopi riproduttivi, condotto all’Università di Berna su mandato dell’Ufficio federale della sanità pubblica. “Delle 28 persone o coppie, il 57% è andato negli Stati Uniti e il 25% in Ucraina”, ha osservato Veronika Siegl, antropologa sociale all’ateneo bernese, secondo la quale però i numeri sono sicuramente sottostimati.

+ Bimbi delle coppie omosessuali, figli di un dio minore

“Di queste 28 persone o coppie, il 57% è andato negli Stati Uniti e il 25% in Ucraina – ha aggiunto la ricercatrice -. Essendo la Svizzera un Paese in generale piuttosto benestante, più aspiranti madri possono permettersi di andare negli Stati Uniti i cui programmi di maternità surrogata sono più cari rispetto a quelli ucraini: circa 100’000 dollari a fronte di 35’000-40’000 euro. Credo che in altri Paesi, come Germania o Spagna, ci siano molte più coppie che vanno in Ucraina e meno negli Stati Uniti”, ha spiegato Veronika Siegl.

Naturalmente la situazione dal profilo delle norme vigenti varia da Paese a Paese: se in alcuni Stati degli USA la gestazione per altri è legale per le coppie eterosessuali, omosessuali e per le persone sole, in Ucraina lo è unicamente per le persone sposate ed eterosessuali.

A questo proposito l’antropologa sociale che delle 28 recatesi nel 2019 all’estero, 20 erano coppie eterosessuali e solo 3 erano coppie omosessuali: “Le coppie omosessuali non sono che una minoranza di coloro che fanno capo a una maternità surrogata. Quella a cui spesso si assiste su questo argomento è una distorsione mediatica”.

La questione era stata dibattuta nella Confederazione anche recentemente. Due anni fa, nel quadro della votazione sull’apertura del matrimonio alle coppie omosessuali, c’è stato chi ha espresso il convincimento secondo cui la legalizzazione della donazione di ovociti ma anche della maternità surrogata frenerebbe la mobilità verso l’estero.

Un’opinione non condivisa dalla ricercatrice che evoca il caso dell’Austria, dove la donazione di ovociti è stata legalizzata ma le donne disposte a vendere i propri gameti sono poche e le coppie continuano ad andare all’estero. Per la maternità surrogata, insiste Veronika Siegl, la dinamica sarebbe analoga. Ma vi è anche un secondo fattore che alimenta questa mobilità.

La pratica dell’utero in affitto è legata spesso a disparità economiche, quasi tutte le madri surrogate si mettono a disposizione per motivi finanziari. In Svizzera, conclude la ricercatrice, “non ci sarà dunque mai un’offerta sufficiente, perché il livello di vita è troppo alto”.


Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR