Navigation

Marine Le Pen accusata di appropriazione indebita

Secondo l'avvocato della candidata alle presidenziali, si tratta di un timing "sorprendente" Copyright 2022 The Associated Press. All Rights Reserved

A pochi giorni dal ballottaggio per le presidenziali, Marine Le Pen è finita nel mirino dell’ufficio antifrode europeo (OLAF), che la accusa di aver usato indebitamente - insieme ad altri tre membri del suo partito - oltre 600’000 euro di fondi pubblici.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 aprile 2022 - 21:58
tvsvizzera.it/mrj

Un timing perlomeno sorprendente, ha dichiarato l’avvocato di Le Pen, che ha fatto sapere che la sua cliente non è per il momento stata convocata da nessuna autorità giudiziaria. Si tratta di fatti che risalgono a oltre 10 anni fa e non è stato presentato nessun contraddittorio, ha aggiunto Rodolphe Bosselut, che si è detto “costernato dal modo di agire dell’OLAF”.

Contenuto esterno

Il denaro sottratto sarebbe stato usato per spese personali o per finanziare prestazioni di società commerciali vicine a Ressemblement national e al gruppo parlamentare di estrema destra Europe des nations e des libertés.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?