Navigation

Nuove dosi in arrivo e la campagna vaccinale potrebbe accelerare

Sono 750 mila le nuove dosi il cui arrivo è atteso nei prossimi giorni. Di queste, 30 mila dovrebbero essere destinate al Ticino. ©Keystone / Laurent Gillieron

Nei prossimi giorni arriveranno nuove forniture del vaccino Moderna nel nostro Paese: nel corso della settimana, anche in Ticino, la campagna di immunizzazione potrebbe quindi allargarsi a fasce d'età più basse.

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 maggio 2021 - 16:54

Sono 750.000 le nuove dosi del preparato della casa farmaceutica Moderna il cui arrivo è atteso nei prossimi giorni, e grazie alle quali la campagna vaccinale svizzera potrebbe velocizzarsi. Di queste 750.000 fiale, circa 30.000 sarebbero destinate al Ticino che, proprio oggi esteso la possibilità di annunciarsi per il vaccino anche alla fascia di popolazione tra i 45 e i 55 anni. 
Finora, in SvizzeraLink esterno sono state distribuite complessivamente 3 milioni di dosi di vaccino ed entro la fine di luglio ne dovrebbero arrivare altre 6 milioni, allargando così lo spettro di coloro che possono farsi immunizzare. La Confederazione sta pensando però anche al futuro, soprattutto alla lotta contro possibili nuove mutazioni del virus, ed è per questo che si è assicurata - come comunicato pochi giorni fa - un ulteriore ordine di 7 milioni di dosi del vaccino anti-covid di Moderna, il cui arrivo è previsto per il 2022.

Contenuto esterno

Come si stanno comportando i vari Cantoni

Il presente, per chi desidera vaccinarsi, resta però caratterizzato dalla pazienza. Le iscrizioni sono state aperte in quasi tutti i Cantoni a tutte le persone che hanno più di 16 anni, ma in molti casi, la precedenza viene tuttora data alle categorie considerate più a rischio. Solo i cantoni di Berna, Giura, Neuchâtel e Vaud stanno già vaccinando persone giovani o la cui salute non è in particolare rischio. Soletta, San Gallo e Zurigo lo faranno tra pochi giorni mentre Ginevra attende la fine di maggio. La strategia ticinese, invece, continua a essere quella di procedere con l'iscrizione per categoria man mano che le dosi sono disponibili.

Contenuto esterno

Gli ordini effettuati finora da Berna

La Confederazione, lo ricordiamo, ha concluso contratti con cinque fabbricanti di vaccini. Le forniture di siero, tuttavia, vengono consegnate e distribuite solo nel momento in cui il prodotto viene omologato dall'autorità federale di controllo dei farmaci Swissmedic, ed è allora che la Svizzera inizia quindi a ricevere le dosi di vaccino che ha riservato per contratto con le aziende interessate. Swissmedic, per ora, ha dato il suo via libera ai prodotti di Pfizer/BioNTech, Moderna e Johnson & Johnson, di quest'ultimo, però, la Confederazione non ha effettuato alcun ordine. Ecco quali e quanti sono i vaccini richiesti finora dall'Ufficio federale di Sanità pubblica:

- Novavax: 6 milioni di dosi
- Curevac: 5 milioni di dosi
- Pfizer/BioNTech: 6 milioni di dosi
- AstraZeneca: 5,3 milioni di dosi
- Moderna: 13,5 milioni di dosi per il 2021 / 7 milioni per il 2022

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/MaMi con RSI (TG del 10.05.2021)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.