Navigation

Losanna rende omaggio a 150 anni di immigrazione italiana

Uno scorcio della nuova esposizione presentata al Museo di Storia di Losanna. Keystone / Jean-christophe Bott

Il Museo di Storia di Losanna ripercorre la storia della presenza italiana nella capitale del Canton Vaud.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 agosto 2021 - 20:51
Keystone-ATS/mar

"Losanna, Svizzera": è questo il titolo (in italiano e non in francese) della mostra che da mercoledì 18 agosto sino al 9 gennaio 2022 presenta la storia di un secolo e mezzo di presenza italiana nel capoluogo vodese.

"Dal loro arrivo in Svizzera alla fine del XIX secolo per scavare le nostre gallerie transalpine fino ad oggi, gli italiani hanno avuto una notevole influenza sul nostro modo di vivere. In 150 anni, l'italianità si è diffusa in tutti gli strati della società svizzera attraverso il cibo, la musica, il cinema, la vita sociale, lo sport, il patrimonio e la lingua", hanno spiegato martedì i responsabili del Museo di Storia di Losanna.

La mostra " è quindi anche un modo per rendere omaggio a coloro il cui "duro lavoro ha contribuito alla folgorante prosperità" della Svizzera, hanno sottolineato.

Braccia per la modernità

Inizialmente furono come detto i grandi lavori per scavare le gallerie attraverso le Alpi che attirarono manodopera italiana (soprattutto da Piemonte e Lombardia). A Losanna, la modernità aveva anche bisogno di braccia per disegnare il nuovo volto della città, le sue strade e i suoi ponti. "Se i ponti e le case della regione potessero parlare, lo farebbero in italiano", ha sottolineato un operaio edile in pensione.

La mostra inizia da questo preludio storico per poi continuare con il boom economico dei Trenta Gloriosi, che attirò lavoratori dal Mezzogiorno. L'obiettivo era quello di costruire autostrade, scuole, università e ospedali e di fornire la forza lavoro necessaria al settore alberghiero e della ristorazione, al commercio e all'industria.

Dal 1946 fino alla crisi del 1973, milioni di italiani hanno contribuito alla prosperità e alla modernità della Svizzera.

E molti di loro si sono stabiliti definitivamente nella regione. Hanno organizzato la loro nuova vita attraverso la creazione di una vasta rete di associazioni culturali, militari, sportive, religiose, politiche e regionali. Questo aspetto è particolarmente ben documentato e presentato nella mostra.

Contenuto esterno

Impronta maggiore

Nonostante le difficili condizioni di vita e la xenofobia di una parte della popolazione, questi immigrati italiani hanno lasciato tracce indelebili a Losanna.

Tracce su cui il Museo di Storia di Losanna fa luce e che hanno avuto un impatto su tutti i livelli della società.

Al centro dello spazio espositivo, una replica di una drogheria italiana ricorda ai visitatori quanto la gastronomia di oggi debba ai nostri vicini transalpini.

Un vasto programma di eventi è anche organizzato intorno alla mostra: conferenze, incontri, proiezioni o visite guidate. Sull'argomento è stato pubblicato anche un libro con fotografie che raccoglie una ventina di testimonianze di immigrati italiani di prima e seconda generazione.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.