Navigation

Epidemia dopo epidemia, l'umanità non cambia

Antonio Zanchi, "La peste del 1630" Keystone / Str

La storia della letteratura è piena di riferimenti a epidemie e a come l'uomo si è comportato in queste difficili occasioni. Intervista allo scrittore italiano Siegmund Ginzberg che nel suo "Racconti contagiosi" ha raccolto centinaia di testimonianze letterarie.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 febbraio 2021 - 21:02

Misure di contenimento, negazionisti, voglia di riaprire. Sono termini con cui ci confrontiamo ormai quotidianamente. Ma non sono nulla di nuovo. Basti pensare al suicidio di Romeo, il cui estremo gesto sarebbe stato evitato se i frati che dovevano comunicargli che Giulietta non era in realtà morta non fossero stati in quarantena forzata.

Da Boccaccio a Virginia Woolf, la letteratura è disseminata di testimonianze e racconti legate a un'epidemia. Testimonianze, raccolte in "Racconti contagiosi" di Siegmund Ginzberg, che ci fanno capire come l'essere umano nel corso dei secoli non è cambiato. L'intervista della Radiotelevisione svizzera.    

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 05.02.2021)

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.