Navigation

Addio al poeta svizzero Philippe Jaccottet

Keystone / Ayse Yavas

È morto all'età di 95 anni nella sua casa del sud della Francia il poeta, traduttore e critico letterario svizzero Philippe Jaccottet. Vincitore tra gli altri del Premio Petrarca nel 1988 e del Gran Premio Schiller nel 2010, era considerato uno dei maggiori poeti europei. Il decesso è stato riferito giovedì dalla famiglia all'agenzia Keystone-ATS.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 febbraio 2021 - 21:05
tvsvizzera/ricon RSI (TG del 25.2.2021)

Nato il 30 giugno del 1925 a Moudon, nel canton Vaud, è stato uno dei rari scrittori elvetici -accanto a Jean-Jacques Rousseau e Charles-Ferdinand Ramuz- a essere stato pubblicato nella Bibliothèque de la Pléiade, la più prestigiosa collana editoriale francese.

Dopo gli studi in lettere a Losanna, aveva soggiornato a Parigi a cavallo tra gli anni '40 e '50 prima di stabilirsi definitivamente nella Drôme con la moglie Anne-Marie, illustratrice e pittrice. Ha comunque continuato a partecipare attivamente alla vita letteraria della Svizzera francese.

Oltre all'opera poetica (L'ignorante, 1957, Arie, 1967, e Après beaucoup d'années, 1994, tra le raccolte più note), ha pubblicato volumi in prosa (L'oscurità, 1961) nonché saggi e critiche sulla poesia, in particolare francese.

Prova che le parole di Jaccottet continuano ad avere ampia risonanza, il saggio 'Le Bol du pèlerin' (Morandi, 2001) è stato pubblicato di recente in cinese; l'uscita del libro accompagna una grande mostra dedicata al pittore italiano Giorgio Morandi, aperta a Pechino lo scorso dicembre.

End of insertion

Le traduzioni

La sua opera è stata tradotta in una ventina di lingue. È ampiamente disponibile in italiano grazie al poeta e critico letterario ticinese Fabio Pusterla, che ha anche curato la prefazione alla Pléiade.

Jaccottet a sua volta acquisì notorietà anche grazie alla qualità delle sue traduzioni, specie dal tedesco e dall'italiano (Leopardi, Ungaretti, Raboni). Tradusse inoltre dal greco antico (l'Odissea di Omero), dallo spagnolo, dal russo, dal ceco e dal giapponese.

Tra i numerosi riconoscimenti, vinse in Italia il Premio Petrarca (1988), in Svizzera il gran premio C. F. Ramuz (1970) e lo Schiller (2010).

Contenuto esterno

Nel servizio RSI, oltre alle note biografiche, un passaggio di intervista allo stesso Jaccottet e una sintesi della sua cifra stilistica.

Philippe JaccottetLink esterno sul Dizionario storico della Svizzera

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 25.02.2021)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.