Navigation

Le sanzioni svizzere colpiscono gli oligarchi vicini a Putin

Uno striscione di protesta con la scritta "Congeliamo le risorse russe". Keystone / Manuel Lopez

Le sanzioni decise ieri dal Consiglio federale a danno di Mosca colpiscono anche i facoltosi cittadini russi con cospicui depositi in Svizzera. Ecco chi potrebbero essere.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 marzo 2022 - 13:52
tvsvizzera.it/MaMi

Le pene decise dall'Unione europea contro la Russia a seguito dell'attacco armato in Ucraina - cui la Confederazione ha deciso di allinearsiLink esterno - colpiscono anche gli oligarchi vicini al presidente Vladimir Putin. Cinque tra i magnati russi con una posizione di potere non possono più entrare in Svizzera. Lo ha reso noto il Consiglio federale pur non rivelando per ora l'identità di queste persone. 

Più in generale, da tempo la Svizzera ha aperto le porte agli oligarchi, che beneficiano - assieme alle loro aziende - di agevolazioni fiscali. Vediamo chi sono i principali nel servizio. Ecco di chi si potrebbe trattare nel servizio del TG:

Contenuto esterno

Intanto, a Ginevra il ministro degli esteri russo, Sergei Lavrov, ha parlato prima alla conferenza sul disarmo e successivamente al Consiglio dei Diritti umani inviando un video con un suo intervento. Un video che molti hanno deciso di boicottare:

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?