La televisione svizzera per l’Italia

Le piccole e medie imprese svizzere ottimiste malgrado tutto

persona analizza un circuito stampato
Le difficoltà di approvvigionamento sono una delle preoccupazioni principali delle PMI svizzere, oltre naturalmente all'incremento del costo dell'energia. Keystone / Martin Ruetschi

Nonostante l'accumularsi di rischi economici negli ultimi mesi, le piccole e medie imprese (PMI) elvetiche guardano al futuro ancora con una certa fiducia.

La guerra in Ucraina, l’inflazione e le difficoltà di approvvigionamento energetico e in materie prime preoccupano le aziende svizzere, ma l’ottimismo è ancora all’ordine del giorno: è quanto emerge dal sondaggio sulle PMI pubblicato mercoledì dalla banca Raiffeisen.

La situazione economica è stata descritta come “buona” o “molto buona” da quasi tre quarti (73%) dei partecipanti (565 società intervistate tra metà maggio e metà giugno), ma la valutazione varia notevolmente a seconda delle dimensioni. La percentuale di ottimisti scende al 52% per le aziende con un fatturato annuo inferiore a 1 milione di franchi, mentre raggiunge l’84% per quelle con più di 10 milioni di franchi.

Più della metà degli intervistati (56%) ha registrato un aumento dei ricavi negli ultimi dodici mesi e quasi due terzi (63%) prevede che ciò avverrà anche nell’esercizio finanziario in corso. Solo l’8% delle aziende intervistate ritiene di essere “impreparato ad affrontare le crisi e quindi di incontrare difficoltà o di non essere in grado di reagire in modo adeguato”.

Il servizio del TG:

Contenuto esterno

Per Roger Reist, responsabile Clienti aziendali e membro della direzione generale di Raiffeisen Svizzera, la capacità di resistenza delle PMI svizzere, dimostrata durante la pandemia di coronavirus, è diventata ancora più forte. Non sorprende, quindi, che “la maggior parte delle PMI svizzere intervistate gestisca particolarmente bene anche le nuove sfide”.

Inflazione, scarsità e personale

In una conferenza stampa a Zurigo, tuttavia, ha sottolineato il deterioramento del contesto economico negli ultimi tre mesi. “Penso che avremmo risultati significativamente diversi se conducessimo lo stesso sondaggio oggi”, ha ammesso Reist.

I principali rischi economici che gli imprenditori e le imprenditrici vedono per i prossimi dodici mesi sono cambiati notevolmente rispetto al precedente sondaggio.

Non sorprende che i prezzi elevati dell’energia e delle materie prime siano in cima alla lista delle preoccupazioni (84%), mentre sono stati menzionati solo dal 31% degli intervistati nel 2021 e solo dal 7% nel 2020. La disponibilità di materie prime (63%) è passata al secondo posto (10% nel 2020) davanti alla disponibilità di personale qualificato (44%).

Le relazioni con l’Unione Europea (UE), la pandemia, i tassi di interesse e la volatilità delle valute sono stati relegati in secondo piano.

Sostenibilità in primo piano

Gli autori dello studio rilevano inoltre la crescente importanza delle questioni legate alla sostenibilità, che tre quarti delle PMI intervistate considerano parte integrante della loro strategia.

Quasi la metà dei partecipanti all’indagine ha dichiarato di voler investire in futuro tra il 2 e oltre il 10% del proprio fatturato nella compatibilità sociale e ambientale delle catene di fornitura e dei prodotti, mentre solo il 15% degli intervistati intende astenersi da qualsiasi investimento.

Sebbene i rapporti con l’UE non siano più la loro preoccupazione principale, più della metà delle aziende intervistate – in particolare quelle di grandi dimensioni – chiede alla politica di creare condizioni quadro stabili e chiare, e quasi una su tre chiede di promuovere la transizione energetica.

Attualità

Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”
fotografie degli ostaggi di hamas

Altri sviluppi

Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

Questo contenuto è stato pubblicato al Le trattative per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas sono state sospese. Ad annunciarlo un'emittente israeliana.

Di più Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese
due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR