Navigation

Le dubbie pratiche di una clinica psichiatrica grigionese

"Mia cara M. Volevo solo dirti che probabilmente arrivo soltanto domenica tra otto giorni, Saluti Lisi". Cartolina raffigurante la clinica Waldhaus nei Grigioni. ©Archivio amministrativo Waldhaus

Negli ultimi anni, diversi Cantoni hanno pubblicato studi sulla storia della psichiatria da cui sono emersi elementi eticamente assai discutibili rispetto agli standard odierni. Un capitolo che si è arricchito lunedì con la storia di una clinica grigionese.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 giugno 2021 - 20:53
Keystone-ATS/mar

Nel XX secolo le cliniche psichiatriche grigionesi sono state uno strumento per la ricerca genetica in Svizzera, ad esempio per la ricerca genealogica e lo sviluppo di un archivio contenente i dati delle famiglie. È quanto emerge da uno studio del dipartimento di storia dell'Università di Basilea, su incarico del Governo retico, sulla storia della psichiatria nel Cantone. In casi isolati, spiegano i ricercatori, hanno anche avuto luogo sperimentazioni di farmaci sulle persone.

L'indagine, che spazia dagli esordi nel XIX secolo fino al più recente passato, si è resa necessaria a causa dell'assenza di solide ricerche sulla storia della psichiatria nel Cantone dei Grigioni, indica una nota odierna del Dipartimento di giustizia, sicurezza e sanità retico. È stata commissionata circa tre anni fa e nel luglio 2020 il cantone ha ricevuto il risultato di 450 pagine. Oggi sono stati comunicati gli elementi più importanti emersi dalla ricerca.

Stando allo studio, fino al 1980 da un terzo fino alla metà delle ammissioni in psichiatria era riferibile a ricoveri coatti. Le misure coercitive a scopo assistenziale interessavano frequentemente casi di persone che abusavano di alcol o di droghe, successivamente anche casi di autoesposizione a pericolo, spiega la nota, secondo la quale "grazie all'esistenza dell'istituto multifunzionale Realta, nei Grigioni la relazione tra misure coercitive a scopo assistenziale e psichiatria era istituzionalizzata e perciò particolarmente stretta".

Contenuto esterno

Sperimentazioni e operazioni

Nella seconda metà del XX secolo, "numerosi uomini condannati come criminali sessuali sono stati castrati come misura preventiva" alla clinica Beverin di Cazis (GR). Fino al 1970 circa, ciò avveniva tramite operazioni: oltre 100 detenuti della casa di correzione Cazis-Realta sono stati castrati nella clinica in quel periodo. La maggior parte di queste operazioni sono state apparentemente effettuate dopo aver raggiunto un accordo con i detenuti interessati. L'obiettivo era quello di ridurre la pena.

In alcuni casi, sottolinea inoltre la ricerca, sono state svolte sperimentazioni di medicamenti non omologati, ma la psichiatria grigionese "non ha avuto un ruolo di primo piano nella ricerca relativa a nuovi psicofarmaci". Tuttavia, secondo lo studio, ci sono molte indicazioni che fino agli anni '60 il consenso dei pazienti non era "sistematicamente ottenuto". Le cliniche grigionesi erano poi "molto impegnate" nello sviluppo e nell'applicazione di nuove terapie, ad esempio l'insulinoterapia e l'elettroshock.

Anni '60

A partire dagli anni '60 nelle cliniche grigionesi vi sono state riforme durature a livello organizzativo nonché a livello di offerta, spiegano i ricercatori, precisando che sono stati sviluppati reparti specializzati con offerte destinate a diversi gruppi di pazienti, come bambini e adolescenti, persone disabili o pazienti anziani.

Dagli anni '70 sono inoltre state potenziate in misura importante le offerte ambulatoriali e semi-stazionarie della psichiatria grigionese. La svolta farmacologica ha consentito di trattare le persone affette da disturbi psichici anche al di fuori delle cliniche: "ciò ha reso le cliniche vieppiù luoghi per interventi acuti di crisi", precisa lo studio.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.