La televisione svizzera per l’Italia

La violenza contro i bambini deve essere espressamente vietata

Il governo svizzero vuole inserire la violenza sui bambini nel codice civile svizzero.
Il Consiglio federale ha annunciato mercoledì l'apertura di un processo di consultazione per una corrispondente modifica del codice civile, che si concentrerà sulle pratiche di prevenzione. Keystone / Nicolas Armer

Il Consiglio federale fa un ulteriore passo avanti nella lotta contro la violenza sui bambini: vuole ancorare esplicitamente il principio dell'educazione non violenta nel Codice civile svizzero. Oltre agli schiaffi e alle altre punizioni corporali, sono compresi anche gli abusi psicologici.

L’Esecutivo ha annunciato mercoledì l’apertura di un processo di consultazione per una corrispondente modifica del Codice civile (CC). L’obiettivo è quello di rafforzare in particolare i processi di prevenzione.

Già secondo il diritto vigente non è consentito ricorrere alla violenza contro i bambini nel contesto educativo familiare, ricorda l’Esecutivo, aggiungendo che i minori sono tutelati dal diritto penale. Di recente il legislatore ha inoltre esteso i diritti e gli obblighi di avviso in caso di minaccia al bene del minore, rafforzando la protezione del bambino sul piano civile.

Altri sviluppi
Bambini che giocano.

Altri sviluppi

Un’educazione senza schiaffi

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera fa parte di quei Paesi che ancora non hanno vietato esplicitamente le punizioni corporali sui figli. Il dibattito sul tema è vivo.

Di più Un’educazione senza schiaffi

Secondo il comunicato stampa, la nuova disposizione dovrebbe indicare esplicitamente che i genitori devono educare figli e figlie “senza ricorrere a punizioni fisiche e ad altre forme di violenza degradante”. Si tratta di un principio guida e di un chiaro segnale che la violenza non sarà tollerata. Il processo di consultazione durerà fino al 23 novembre 2023.

L’importanza della prevenzione

Parallelamente, nel suo progetto il Consiglio federale vuole rafforzare la prevenzione. Le attuali offerte di consulenza e aiuto  per genitori e figli, in parte differenti a seconda della regione, vanno ampliate e l’accesso a esse va migliorato, scrive.

I Cantoni sono chiamati a provvedere affinché, in caso di difficoltà nell’educazione, vi siano sufficienti consultori a disposizione delle persone interessate, allo scopo di offrire consulenza preventiva a genitori e figli sulle questioni educative e, se necessario, fornire sostegno per risolvere i conflitti.

Stando a diversi studi effettuati a livello internazionale, il radicamento dell’educazione non violenta nella legge consente di modificare durevolmente il comportamento educativo dei genitori e ridurre l’accettazione della violenza, conclude il Consiglio federale.

Contenuto esterno


Attualità

carro armato

Altri sviluppi

Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al Malgrado le condanne giunte da tutto il mondo dopo l'attacco di domenica notte, nel quale sono morti decine di civili, l'esercito israeliano prosegue le operazioni nel sud della Striscia di Gaza.

Di più Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Altri sviluppi

Un alunno su sei è in sovrappeso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il sovrappeso e l'obesità rimangono una sfida per i bambini e gli adolescenti. Secondo un monitoraggio che si riferisce all'anno scolastico 2022/23, un alunno su sei ha problemi con la bilancia.

Di più Un alunno su sei è in sovrappeso

Altri sviluppi

Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al Secondo un sondaggio in Svizzera quasi un terzo della popolazione ha già vissuto liti con il vicinato. I motivi più comuni sono l'eccesso di rumori, problemi con la lavanderia, infrazioni delle regole sui posteggi e diatribe riguardanti la proprietà di terreni.

Di più Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio
bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR