La televisione svizzera per l’Italia

La Swisscoy deve restare in Kosovo sino a fine 2026

militare osserva con un binocolo davanti a una jeep
Il contingente svizzero della KFOR è presente in Kosovo dal 1999. Keystone / Jean-christophe Bott

Il Consiglio degli Stati ha deciso a larga maggioranza di prorogare il dispiegamento del contingente di pace svizzero in Kosovo, il cui mandato scadrà a fine anno, e di concedergli un certo margine di manovra in termini di personale.

La presenza della Kosovo Force (KFOR) rimane necessaria in questo Paese a causa della fragilità della situazione, ha sottolineato l’esponente dell’Alleanza del Centro Andrea Gmür-Schönenberger, a nome della commissione della politica di sicurezza.

È nell’interesse della Svizzera proseguire l’impiego della Swisscoy, integrata nella KFOR, in particolare per questioni di sicurezza, ha proseguito la consigliera agli Stati.

Il parlamentare del Partito liberale radicale (PLR) Thierry Burkart ha dal canto suo evocato la grande diaspora kosovara in Svizzera. Un conflitto armato nei Balcani potrebbe far fuggire migliaia di persone. “Flussi di rifugiati sarebbero un compito gigantesco per le nostre autorità”, ha dichiarato il presidente del PLR, aggiungendo che un ritiro elvetico dal Kosovo non sarebbe compreso dai partner internazionali.

La ministra della difesa Viola Amherd ha invece rilevato che le “tensioni persistono”, malgrado la situazione sia relativamente “calma e stabile”.

La proroga del mandato della Swisscoy, che scade a fine 2023, e la possibilità di aumentare l’effettivo del contingente di al massimo 30 militari sono stati approvati con 33 voti contro due e due astenuti dalla Camera alta del Parlamento. Sul tema deve ancora pronunciarsi il Consiglio nazionale.

In Kosovo dal 1999

Presente in Kosovo dal 1999, la Swisscoy comprende attualmente un massimo di 195 soldati e soldatesse volontari. Agli inizi, il contingente svizzero era una compagnia logistica non armata, e ha adattato in seguito i compiti e gli effettivi ai bisogni della KFOR. Il numero di militari ha subito fluttuazioni nel corso degli anni: nell’aprile 2018 sono passati da 235 a 190, e nell’ottobre 2019 a 165.

Se il Consiglio Nazionale si allineerà alla decisione degli Stati, il numero di effettivi potrà essere adattato in modo molto più rapido a seconda delle esigenze.

Il budget per il 2023 della Swisscoy ammonta a poco meno di 41 milioni di franchi.

Piano di normalizzazione in vista

Il dibattito al Parlamento svizzero avviene nel momento in cui Kosovo e Serbia stanno discutendo sulla proposta dell’Unione Europea per un accordo al fine di normalizzare le relazioni tra i due Paesi.

Al termine di un incontro martedì tra il presidente serbo Aleksandar Vucic, il premier kosovaro Albin Kurti e l’alto rappresentante UE Josep Borrell, quest’ultimo ha dichiarato che “sono stati compiuti progressi, ma che è necessario altro lavoro”.

Nel testo dell’accordo, presentato lo scorso 27 settembre, la Serbia non riconosce il Kosovo come Stato indipendente ma le due parti accettano la reciproca legittimità di “documenti e simboli nazionali, inclusi passaporti, diplomi, targhe e timbri doganali”. Belgrado, inoltre, “non si opporrà all’adesione del Kosovo ad alcuna organizzazione internazionale”. Un punto rilevante quest’ultimo se si considera che finora la Serbia ha fatto affidamento su Russia e Cina per impedire l’adesione di Pristina alle Nazioni Unite. D’altro canto, la formula contiene l’impegno a “garantire un livello di adeguata autogestione della comunità serba in Kosovo” e a “formalizzare lo status della Chiesa ortodossa serba in Kosovo”, offendo “un forte livello di protezione ai siti del patrimonio religioso e culturale serbo”.

Contenuto esterno


Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR