Navigation

La Svizzera non è paese per OGM

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 01 marzo 2017 - 13:02
tvsvizzera/spal con RSI (TG dell'1.3.2017)

Per la terza volta il parlamento svizzero ha prorogato la moratoria sugli organismi geneticamente modificati (OGM).

Con 25 voti contro 18 la Camera alta dei cantoni si è allineata al pronunciamento di dicembre del Consiglio Nazionale sulla proposta del governo che è stata così affossata.

La revisione della legge federale sull’ingegneria genetica, oltre a mantenere il divieto di zone destinate alla coltivazione di OGM fino al 2021, proibisce la coesistenza di coltivazioni “artificiali” con quelle tradizionali per prevenire contaminazioni tra le due colture nel ristretto spazio agricolo elvetico.

La legge torna comunque al Nazionale per eliminare alcune divergenze secondarie che restano tra le letture del testo uscito dalle due Camere.  

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.