La televisione svizzera per l’Italia

La Svizzera immagazzinerà CO2 sotto i fondali oceanici

I subacquei nuotano sott acqua.
Il Protocollo di Londra consente attualmente lo stoccaggio di flussi di CO2 sotto i fondali marini. Keystone / Dennis M. Sabangan

Il Governo elvetico ha deciso di ratificare un trattato internazionale che gli consentirebbe di catturare ed esportare l'anidride carbonica (CO2) per lo stoccaggio in profondità sotto i sedimenti dei fondali oceanici.

 Dal prossimo anno, la Svizzera potrà esportare CO2 all’estero e stoccarla nei fondali marini per raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette di gas serra. Il Consiglio federale ha deciso mercoledì di ratificare l’emendamento ad hoc al relativo trattato internazionale.

“Lo stoccaggio permanente di CO2 è una parte essenziale della politica climatica se vogliamo raggiungere i nostri obiettivi climatici internazionali e nazionali”, ha scritto l’Esecutivo in un comunicato stampa. La Svizzera deve avere accesso a giacimenti esteri.

+ Il “viaggio ambizioso” verso la cattura di miliardi di tonnellate di CO2

Il Protocollo di Londra consente attualmente lo stoccaggio di CO2 sotto i fondali marini. Nella sua versione attuale, tuttavia, vieta espressamente l’esportazione di rifiuti o di altre sostanze in Paesi terzi per lo scarico o l’incenerimento in mare. L’emendamento del 2009 esenta da questo divieto generale di esportazione.

+ Cattura e rimozione del CO2 – è questa la soluzione?

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR