La televisione svizzera per l’Italia

La Svizzera congela 5 milioni di dollari della famiglia Kirchner

Cristina Fernandez de Kirchner.
Cristina Fernandez de Kirchner. Keystone / Demian Alday Estévez

Le autorità argentine hanno chiesto alla Confederazione di bloccare gli averi della vicepresidente nell'ambito di indagini per corruzione. 

Il caso di presunta corruzione con al centro la vicepresidente argentina Cristina Fernández de Kirchner e il suo defunto marito, l’ex presidente Néstor Kirchner, ha risvolti anche in Svizzera. Nella Confederazione sono infatti stati bloccati 5 milioni di dollari argentini depositati sui conti di due diverse banche.

Lo si apprende da una sentenza del Tribunale federale pubblicata questo mese, secondo cui una richiesta di assistenza amministrativa inoltrata dalla giustizia argentina nell’ambito delle sue indagini contro la coppia era giunta già nel 2018, e due anni più tardi era stata integrata.

In essa le autorità del paese sudamericano chiedevano alla Svizzera, tra l’altro, di bloccare i conti aperti presso le due banche e di consegnare la documentazione ad essi relativa. I nomi dei due istituti non vengono citati nella sentenza.

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha dato seguito alla domanda nel 2020, ma le disposizioni sono state combattute fino ad arrivare davanti al Tribunale federale. Ora quest’ultimo non è però entrato in materia sui ricorsi.

La giustizia argentina mette in relazione i soldi bloccati con transazioni commerciali che, a suo dire, avrebbero dovuto celare l’origine di fondi ottenuti illecitamente dai Kirchner. Una di esse – si legge nella sentenza – riguarda la vendita in contanti di una società argentina per un prezzo palesemente gonfiato, 34 milioni di dollari.

Secondo media argentini le banche svizzere coinvolte sarebbe la zurighese Julius Bär e la ginevrina Pictet, riferiscono i portali online “Tippinpoint” e “Gotham City”. Un portavoce di quest’ultima ha indicato all’agenzia AWP di non poteri esprimere né su relazioni di clientela esistenti né su inesistenti. Una presa di posizione di Julius Bär non è ancora giunta.

A inizio mese Cristina Fernández de Kirchner è stata condannata a sei anni di carcere in un processo per corruzione. È la prima volta nella storia dell’Argentina che viene condannato un vicepresidente in carica. La 69enne è stata presidente del paese sudamericano dal 2007 al 2015, mentre il marito, deceduto nel 2010, aveva ricoperto questa carica dal 2003 al 2007. Dal 2019 Cristina è vicepresidente.

I sospetti

Durante il loro mandato, i due politici avrebbero procurato appalti pubblici a un loro amico senza ricorrere a bandi: secondo la procura la sua azienda avrebbe ricevuto l’80% di tutti i contratti di costruzione di strade pubbliche nella regione natale di Néstor Kirchner, Santa Cruz. Una parte dei costi di costruzione gonfiati sarebbe poi confluita nelle casse della coppia. Lo Stato argentino sarebbe così stato privato di circa un miliardo di dollari.
 

Attualità

Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”
fotografie degli ostaggi di hamas

Altri sviluppi

Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

Questo contenuto è stato pubblicato al Le trattative per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas sono state sospese. Ad annunciarlo un'emittente israeliana.

Di più Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese
due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR