La televisione svizzera per l’Italia

La Svizzera è nel Consiglio di sicurezza dell’ONU

uono e donna applaudono
Un nuovo importante passo nel ruolo diplomatico della Confederazione nel mondo. Il presidente elvetico Ignazio Cassis e l'ambasciatrice elvetica all'ONU Pascale Baeriswyl hanno accolto la notizia con un applauso. © Keystone / Alessandro Della Valle

La candidatura della Confederazione è stata accettata con 187 voti (su 193). Una nuova tappa per la Svizzera, a quasi 20 anni dalla sua entrata nelle Nazioni Unite, il cui mandato sarà valido per il 2023 e 2024.

Il presidente della Confederazione Ignazio Cassis ha dichiarato, nel corso di una conferenza stampa tenutasi a New York mercoledì sera, che si tratta del culmine di quasi 15 anni di sforzi, da quando i primi preparativi per la candidatura sono stati ufficializzati poco più di dieci anni fa. Insieme alla conferenza sull’Ucraina di Lugano che si terrà a inizio luglio, ha inoltre aggiunto, questo passo rappresenta “un capitolo importante” della diplomazia elvetica. 

Cassis e i leader degli altri quattro Paesi candidati (Malta, Giappone, Ecuador e Mozambico), hanno discusso già mercoledì su come lavorare insieme all’interno del più grande organo delle Nazioni Unite. 

Sono quindi mesi importanti quelli che attendono la Confederazione, la cui entrata sarà effettiva dal 1. gennaio 2023: “La Svizzera si trova in questo momento in un capitolo importante della sua storia in termini di politica estera”, ha aggiunto il presidente.

Cos’è il Consiglio di sicurezza dell’ONU?

Il compito del Consiglio di sicurezza dell’ONU è il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale. Spetta a questo organo rivolgersi alle parti in causa affinché risolvano pacificamente le controversie, raccomandando le modalità di composizione giudicate appropriate. In certi casi, inoltre, può imporre sanzioni o autorizzare l’uso della forza per mantenere o ripristinare la pace e la sicurezza internazionale.

Del Consiglio di sicurezza dell’ONU fanno parte 5 Paesi membri permanenti con diritto di veto (Cina, Francia, Regno Unito, Russia e Stati Uniti, vincitori della Seconda Guerra mondiale) e 10 non permanenti che sono designati dall’Assemblea generale per un periodo di 2 anni.

La Svizzera si è candidata nel 2011 e da allora il dibattito sul tema è stato intenso: molte le voci critiche, in particolare da parte dell’Unione democratica di centro (UDC, destra sovranista). Il Parlamento ha dal canto suo sempre sostenuto il Governo.

L’Esecutivo ha dal canto suo già fatto sapere quali saranno le priorità nel corso del mandato esercitato dalla Confederazione: promozione della pace, tutela delle popolazioni civili negli scenari di conflitto armato, impegno per la sicurezza climatica e rafforzamento dell’efficienza dello stesso Consiglio di sicurezza. Per quanto riguarda il Parlamento, l’idea è quella di coinvolgere le commissioni di politica estera delle Camere attraverso periodiche relazioni sulle iniziative della Confederazione.

Con questo seggio, ritiene il Governo, la Confederazione potrà perseguire i suoi interessi e il suo riconosciuto impegno a sostegno della pace, dei diritti umani, del multilateralismo e dell’aiuto umanitario. La Svizzera, finora, è stata presente in tutti i principali organi delle Nazioni Unite. Ora è la volta del Consiglio di sicurezza. 

Cassis: “Fidatevi di noi”

“Vogliamo mettere a frutto il know-how svizzero per promuovere la pace nel mondo, far conoscere i nostri valori e, in veste di Paese neutrale, contribuire a soluzioni di compromesso”, ha dichiarato Ignazio Cassis dopo l’elezione. ” Vogliamo essere parte della soluzione con la nostra tradizione umanitaria. Crediamo di poter dare un contributo. Fidatevi di noi”.

Contenuto esterno

“Siamo onorati. Adempieremo il mandato con rispetto e siamo pronti ad impegnarci in modo costruttivo e ad assumerci le nostre responsabilità all’interno del Consiglio di sicurezza”, si legge in una nota diffusa dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) nella giornata di giovedì. 

187 voti su 193 è un risultato storico: dall’adesione del Paese all’ONU nel 2002 nessuno Stato appartenente al gruppo dell’Europa occidentale è stato eletto con un risultato migliore. “Si tratta di un segnale forte di sostegno e di fiducia da parte della comunità internazionale nei confronti del nostro Paese”, prosegue il comunicato del DFAE. 

Non sono tardate a giungere nemmeno le reazioni dei partiti. L’UDC, contrario all’entrata elvetica nel Consiglio, ha twittato: “Oggi la Svizzera ottiene un seggio nel Consiglio di sicurezza dell’ONU. Questo organismo di superpotenze decide chi va in guerra e chi in pace. Gli altri partiti ci stanno trascinando in conflitti esteri”.

Contenuto esterno

Soddisfatti, invece, i Verdi Liberali: “La Svizzera può lavorare attivamente per la pace”, ha scritto il gruppo. Una notizia accolta con piacere anche dal Partito Socialista – “La Svizzera può fornire un importante servizio alla comunità internazionale grazie alla sua esperienza nella politica internazionale e umanitaria e al suo impegno per il multilateralismo” – e dai liberal-radicali – “L’elezione nel Consiglio di sicurezza dell’Onu consente alla Svizzera di rafforzare la propria immagine di garante della pace e del diritto internazionale”.

Contenuto esterno


Guarda l’edizione speciale del TG “La Svizzera nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”:

Contenuto esterno

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR