La televisione svizzera per l’Italia

“La Svizzera è ancora un paradiso fiscale”

bandiera svizzera
Progressi sono stati fatti, ma molto resta ancora da fare, secondo il Parlamento europeo. © Keystone / Gaetan Bally

Secondo il Parlamento europeo, la Svizzera resta un paradiso fiscale, anche se dei progressi sono stati fatti. Criticata anche l’UE.

La Svizzera ha fatto dei progressi, ma resta un paradiso fiscale: è la conclusione tratta Paul Tang, capo di una delegazione del Parlamento europeo, al termine di una visita di due giorni nella Confederazione.

“Per liberarsi della reputazione di essere un paradiso fiscale, un Paese deve dimostrare che il flusso di denaro di chi vuole evitare di pagare le tasse non passa più attraverso di esso. Servono risultati quantificabili che la Svizzera oggi non è in grado di fornire”, ha dichiarato l’eurodeputato laburista olandese al quotidiano Le Temps. Secondo Tang “i trasferimenti di profitti internazionali passano sempre dalla Svizzera e nel settore della gestione patrimoniale esiste ancora un’industria dell’evasione fiscale”.

Contenuto esterno

Sarebbe ancora facile, per esempio, nascondere l’identità dei reali beneficiari di alcuni prodotti finanziari. Il presidente della sottocommissione per le questioni fiscali del Parlamento europeo ha anche criticato il fatto che gli avvocati possano negare di sapere per chi lavorano realmente.

Anche l’UE, però, ha aggiunto Tang, deve fare ordine in casa propria, dove esistono paradisi fiscali come l’Irlanda, il Lussemburgo e la sua stessa patria, i Paesi Bassi. Bruxelles, ha detto, è ancora indietro anche sulla tassazione delle multinazionali, mentre Berna in questo campo sta avanzando rapidamente.

L’eurodeputato ha aggiunto che i consulenti fiscali svizzeri dovranno aspettarsi di essere soggetti a regole che si applicheranno a tutti, come già avviene in Austria. Buona parte di questi si dicono d’accordo, poiché non vogliono più essere visti come pecore nere.

Attualità

gambe di donna con tacchi

Altri sviluppi

Onu taccia Svizzera di “Stato pappone”, Berna respinge accuse

Questo contenuto è stato pubblicato al Berna respinge al mittente le accuse di essere "uno Stato pappone" formulate da un'esperta dell'ONU nei confronti del nostro Paese. "Questo termine non è per nulla appropriato", ha affermato oggi l'ambasciatore elvetico all'ONU di Ginevra Jürg Lauber.

Di più Onu taccia Svizzera di “Stato pappone”, Berna respinge accuse
poliziotti

Altri sviluppi

Attacchi terroristici in Daghestan, almeno 19 morti

Questo contenuto è stato pubblicato al È di 19 morti e diversi feriti il bilancio degli attentati contro posti di polizia, chiese e una sinagoga domenica in Daghestan, repubblica russa nel Caucaso settentrionale. Si sospetta che gli attacchi siano opera di estremisti islamici.

Di più Attacchi terroristici in Daghestan, almeno 19 morti

Altri sviluppi

Aeroporto Zurigo: rinviata apertura scalo indiano

Questo contenuto è stato pubblicato al I lavori di costruzione del più grande progetto all'estero dell'aeroporto di Zurigo, nell'agglomerato di Delhi, hanno subito ritardi. L'entrata in servizio dello scalo internazionale di Noida è ora prevista per fine aprile 2025, anziché fine 2024.

Di più Aeroporto Zurigo: rinviata apertura scalo indiano
Manifestanti eritrei sulla Piazza federale.

Altri sviluppi

Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le e i partecipanti hanno contestato a Berna i ventilati respingimenti verso Stati terzi e l'obbligo del passaporto per l'ottenimento del permesso di soggiorno.

Di più Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera
Due pompieri osservano la portata del Rodano nei pressi di Sierre.

Altri sviluppi

Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Nonostante il lieve calo delle acque del Rodano e dei suoi affluenti, il livello di allarme e lo stato d'emergenza non vengono revocati.

Di più Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese
Bimbi attorno a un cratere formato dalle bombe israeliane.

Altri sviluppi

Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esercito israeliano è tornato a bombardare pesantemente Gaza la scorsa notte: i morti sono almeno 22 e i feriti 45.

Di più Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza
Due veicoli della polizia in centro a Zurigo.

Altri sviluppi

‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Antimafia di Catanzaro chiede assistenza giudiziaria a Berna nell'ambito di un'indagine sulla cosca Maiolo, perquisizioni a Zurigo, Berna e Turgovia.

Di più ‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera
Interventi nei pressi della centrale idroelettrica a Vissoie nella val d'Anniviers (Vallese).

Altri sviluppi

Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Il cantone bilingue è la zona più colpita da frane e inondazioni dovute alle intense precipitazioni di questi giorni. Zermatt isolata a causa degli smottamenti e dell'esondazione della Vispa. Preoccupano i corsi d'acqua delle valli laterali.

Di più Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR