Navigation

La mia lingua madre? Il dialetto

A sud delle Alpi non è raro trovare manifesti scritti in dialetto, come qui a Stabio in occasione del mercatino di Natale. © Ti-press

Nella Svizzera italiana, il dialetto è ancora una lingua viva tanto che lo si parla anche in luoghi e circostanze insospettabili: ai vertici dell’economia e della politica, capita di discutere e decidere in dialetto. L'approfondimento della trasmissione della Radiotelevisione svizzera Falò.

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 luglio 2022 - 17:00
RSI, Falò

Seppur in perdita di velocità, in Ticino e nel Grigioni italiano il dialetto è ancora molto diffuso. Ad esempio, stando a un approfondimento pubblicato nell'edizione 2017 dell'Annuario ticinese di statistica, nella Valle di Blenio il 69% della popolazione parla dialetto a casa o con i familiari.

La proporzione è più bassa nelle regioni urbane. Nel distretto di Lugano il tasso scende al 23%, ma si tratta pur sempre di quasi 30'000 persone su una popolazione di oltre 120'000 abitanti.

In questo documentario, la trasmissione Falò traccia un bilancio dello stato di salute di questo idioma e di come esso abbia influenzato ed influenzi tuttora la società.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?