Navigation

Nell'Ospedale delle bambole il tempo si è fermato

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 11 ottobre 2018 - 21:50
Valerio Maggio, Rsionline

In centro a Napoli c'è un luogo incantato dove da oltre 100 anni si curano le bambole e i ricordi d'infanzia.

C'è, in via San Biagio dei LibraiLink esterno – “Spaccanapoli”, la via che spacca a metà la città vecchia di Napoli – un luogo incantato dove il tempo rallenta e ci si può sottrarre al ritmo frenetico della quotidianità.

È l’Ospedale delle bamboleLink esterno, un laboratorio-museo aperto a fine ‘800 da Luigi Grassi e tramandato di generazione in generazione fino a Tiziana Grassi.

Qui le bambole possono essere aggiustate e restaurate. Si mette in discussione la velocità del consumismo, dell’avere sempre qualcosa di nuovo, e si riscopre la bellezza di un oggetto caro, d’infanzia, che viene riportato allo splendore che aveva nei nostri ricordi.

Il laboratorio, l’ospedale intero, è visitabile e ci si muove come in un paese delle meraviglie tra corsie, reparti di degenza, “bambolatori”, teste in attesa di trapianto.

Charlotte BrontëLink esterno scriveva: “Mi portavo sempre nel letto la bambola; gli esseri umani hanno bisogno di amare qualcosa e, in mancanza di un oggetto più degno di tenerezza, mi studiavo di provare piacere amando e vezzeggiando un piccolo idolo sbiadito”. L’Ospedale delle bambole è il luogo in cui il bisogno di amare qualcosa di cui scrive Brontë trova una sua perfetta espressione. Qui si torna bambini e ci si lascia incantare con naturalezza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.