La televisione svizzera per l’Italia

L’Università di Berna licenzia un docente che ha lodato gli attacchi di Hamas

I dirigenti dell Università di Berna a colloquio con la stampa il 17 ottobre 2023
Il licenziamento senza preavviso è dovuto al comportamento intollerabile e alla conseguente perdita di fiducia, ha dichiarato ai media Christoph Pappa (a destra), segretario generale dell'Università di Berna. © Keystone / Anthony Anex

L'Università di Berna ha licenziato in tronco un docente che ha espresso commenti positivi sugli attacchi di Hamas contro Israele. È stata inoltre avviata un'indagine amministrativa sull'Istituto per il Medio Oriente e una co-direttrice è stata temporaneamente sollevata dalle sue funzioni.

L’Università di Berna ha licenziato senza preavviso il professore che su X (ex Twitter) aveva applaudito l’attacco sferrato da Hamas contro Israele. Sarà inoltre avviata un’indagine amministrativa sull’Istituto per gli studi sul Medio Oriente e sulle società musulmane, di cui l’uomo era un collaboratore. Per il momento, la co-direttrice dell’istituto, con la quale il professore avrebbe una relazione, è stata sollevata dalle sue funzioni.

“L’università si trova di fronte a un caso senza precedenti, che ha avuto un’enorme risonanza nell’opinione pubblica”, ha comunicato oggi l’ateneo della città federale, definendo inaccettabili i messaggi sul social e condannando qualsiasi tipo di violenza o sostegno a essa.

Contenuto esterno

In post nel frattempo cancellati, il professore avrebbe scritto che l’attacco di Hamas a Israele era il miglior regalo di compleanno che potesse ricevere. Inoltre, avrebbe commentato un video sui fatti con il saluto ebraico “Shabbat Shalom” (traducibile con “che sia un sabato di pace”), un chiaro riferimento al giorno della settimana in cui è avvenuta la sanguinosa aggressione.

L’interruzione immediata del contratto dell’uomo, che inizialmente era stato sospeso, è dovuta al suo comportamento intollerabile e alla conseguente perdita di fiducia, ha dichiarato in una conferenza stampa tenutasi martedì Christoph Pappa, segretario generale dell’Università di Berna. Nel quadro dell’indagine amministrativa, la gestione dell’istituto sarà sottoposta a una valutazione esterna. 

Anche il Ministero pubblico bernese sta attualmente esaminando la questione per stabilire se abbia una rilevanza penale. 

Attualità

Partecipanti al Pride di Zurigo.

Altri sviluppi

In ventimila al Pride di Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al "Libero sotto ogni aspetto - da 30 anni". Sotto questo motto si è tenuto oggi con la partecipazione di 20'000 persone il Pride di Zurigo.

Di più In ventimila al Pride di Zurigo
Manifestanti a Parigi.

Altri sviluppi

La Francia scende in piazza contro l’estrema destra.

Questo contenuto è stato pubblicato al Sabato diverse migliaia di persone hanno manifestato in Francia per invocare una rivolta "repubblicana" contro l'estrema destra, che potrebbe salire al potere nelle elezioni parlamentari anticipate del 30 giugno e del 7 luglio.

Di più La Francia scende in piazza contro l’estrema destra.
La foto di rito di tutti i leader presenti al G7 con al centro Papa Francesco.

Altri sviluppi

Un Papa per la prima volta al vertice del G7

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la prima volta di un Pontefice partecipa a questo vertice. L'accoglienza è calorosa non solo da parte della premier italiana Giorgia Meloni - "è un momento storico, non ringrazierò mai abbastanza Sua Santità per essere qui" - ma da tutti i Grandi della Terra.

Di più Un Papa per la prima volta al vertice del G7
Raphael Glucksmann.

Altri sviluppi

In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra

Questo contenuto è stato pubblicato al Raphael Glucksmann che ha rilanciato il Partito socialista con il suo movimento Place Publique ritiene che l'unico modo per fermare il Rassemblement National sia la craezione di un'unione di sinistra.

Di più In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra
Una postina svizzera.

Altri sviluppi

Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per risparmiare il Consiglio federale propone che solo il 90% delle lettere e dei pacchi venga consegnato per tempo dalla Posta. Inoltre, si vuole abolire l'obbligo di consegna nelle case abitate tutto l'anno.

Di più Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo
La cascata della Piumogna a Faido.

Altri sviluppi

Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

Questo contenuto è stato pubblicato al La portata del fiume Ticino e dei suoi affluenti in Leventina, tra Airolo e Personico, potranno subire delle importanti variazioni durante l’intero arco delle 24 ore. L'Azienda elettrica ticinese invita la popolazione alla prudenza. 

Di più Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR