Navigation

L'ultimo addio a Desmond Tutu

Contenuto esterno

Si sono tenuti sabato mattina a Città del Capo in Sudafrica i funerali di Desmond Tutu.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 gennaio 2022 - 15:49
tvsvizzera.it/mrj

La messa per il premio Nobel per la pace e icona della lotta contro l’apartheid è stata celebrata nella cattedrale di San Giorgio, un luogo simbolico, poiché è stato proprio qui che Tutu è diventato il primo arcivescovo anglicano nero. Ed è sempre da lla cattedrale che partivano le marce di protesta contro la segregazione e contro il regime razzista dell'apartheid.

Il funerale è stato organizzato dallo stesso Tutu qualche anno fa: nelle sue ultime volontà ha esposto ogni dettaglio, aveva scelto i testi e gli oratori e aveva bandito i fasti e i colpi di cannone che in queste circostanze raramente mancano.

Pochi anche i simboli della nazione, limitati al discorso del presidente Cyril Ramaposa e alla bandiera offerta alla vedova dell’arcivescovo, chiamata affettuosamente da tutti Mama Leah.

Oltre alla famiglia e agli amici più stretti, ci sono stati pochi altri invitati e questo non solo a causa delle restrizioni sanitarie e della pandemia, ma anche perché Desmond Tutu - morto lo scorso 26 dicembre all'età di 90 anni - aveva chiesto una cerimonia intima e poco costosa. La “voce dei senza voce”, come lo ha definito Nelson Mandela, voleva che i sudafricani conservassero di lui l'immagine di un uomo che sa arrivare al cuore delle persone nel modo più semplice.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?