Navigation

L'Ue cerca di ripartire da Roma

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 25 marzo 2017 - 17:16
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 25.3.2017)

I 27 paesi dell’Unione europea provano a ripartire da Roma, dove oggi si celebrano i 60 anni dei trattatiLink esterno che esattamente il 25 marzo 1957 istituirono la Comunità economica europea.

In occasione dell’anniversario i membri dell’Ue hanno firmato una dichiarazione d’intenti congiuntaLink esterno, a lungo negoziata e rivista, con cui si vogliono porre le basi per rilanciare l’organizzazione continentale. Un esito non del tutto scontato considerate le ritrosie di alcuni paesi dell’Est che negli ultime mesi hanno frenato le politiche di Bruxelles su immigrazione e sicurezza.

In ogni caso si è giunti alla formalizzazione, pur senza citarlo esplicitamente, del principio dell’Ue a più velocità. L’Unione, si legge nel testo, “è una e indivisibile” e rappresenta “il nostro futuro comune”. Ma soprattutto è sdoganata l’idea che ogni paese procederà secondo i propri ritmi ed esigenze, senza per questo precludere intese rafforzate e circoscritte su alcune tematiche puntuali.

Dopo aver sottolineato i risultati di questi 60 anni, connessi soprattutto alla creazione della moneta unica e della BCE, i leader dei 27 hanno preso l’impegno di procedere verso un’integrazione accresciuta anche in altri ambiti diversi da quelli finanziari. In quest’ottica è stata accettata la menzione della Grecia alle conquiste sociali da preservare.

I contraccolpi della Brexit, delle spinte centrifughe orchestrate dai populismi di vario colore e della crisi economica sono evidenti ma il sogno di un futuro di pace, libertà da vivere in comune sembra oggi a Roma essere intatto. 

Documenti:

-I Trattati di RomaLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.