La televisione svizzera per l’Italia

L’UDC vuole congiunzioni elettorali a destra

Marco Chiesa
Il presidente udc Marco Chiesa all'assemblea tenutasi a Bülach. © Keystone / Urs Flueeler

L'Unione democratica di centro (UDC, destra ultraconservatrice) vuole liste congiunte con i liberali (PLR) alle elezioni federali di ottobre. I Verdi mirano al podio.

La proposta è stata avanzata dal presidente Marco Chiesa all’assemblea del partito tenutasi a Bülach (Zurigo). In ogni cantone, ha detto il parlamentare ticinese, vanno stabiliti apparentamenti elettorali tra le due liste per evitare che la sinistra avanzi, come avvenuto nel 2019.

Nelle legislative di quattro anni fa, ha in proposito ricordato il presidente udc, i socialisti hanno conquistato un seggio nei Grigioni al Consiglio nazionale (Camera bassa) a causa della mancata congiunzione e questo, ha aggiunto, non deve ripetersi.

Contenuto esterno

Buona parte del suo discorso si è incentrato su attacchi alla sinistra, accusata di “distruggere tutto ciò che rende la Svizzera vincente”. In particolare Marco Chiesa l’ha incolpata per l’attuale crisi energetica – da addebitare, a suo dire, alla strategia 2050 del governo federale (approvata in votazione popolare) – e per lil fenomeno migratorio.

Attacchi alla sinistra

Su quest’ultimo aspetto il presidente udc ha sostenuto che il fronte rosso-verde vuole concedere il diritto d’asilo “al mondo intero”, attirando stranieri di cui non ha bisogno. E ha anche denunciato, alludendo al “wokismo”, il tentativo della sinistra di voler prescrivere il modo corretto di pensare, parlare e scrivere. Concetto ripreso dell’ex consigliere federale Ueli Maurer, secondo cui la maggioranza del Paese è d’accordo con l’UDC sul fatto che molte cose non possono più essere dette e c’è un sistematico “moralismo”. Ha in proposito citato quali esempi il Covid e la guerra in Ucraina.

In vista del probabile voto sulla legge per la protezione del clima in giugno, Chiesa ha sottolineato che una vittoria contro questo oggetto è la condizione per un successo elettorale della destra in autunno, a condizione però che il PLR accetti congiunzioni di liste generalizzate con l’UDC.

Nel corso del pomeriggio i 393 delegati hanno adottato all’unanimità il nuovo programma del partito, con l’aggiunta di nuove tematiche, come la “cultura woke”, invisa al partito di destra, a quelle tradizionali della libertà e della sicurezza.

Tra gli altri temi del documento politico figurano l’opposizione al sistema scolastico inclusivo e la richiesta di trasmissione automatica dei dati dei sans-papiers alle autorità competenti per l’immigrazione in vista della loro rapida espulsione.

I Verdi mirano alla terza piazza

In giornata si è tenuta a Ginevra anche l’assemblea dei Verdi che si sono posti l’obiettivo, enunciato dal presidente Balthasar Glättli, di diventare la terza forza politica del Paese.

Sulle rive del Lemano, Glättli ha colto l’occasione per sottolineare i successi raggiunti proprio a Ginevra, dove i Verdi sono diventati il primo partito nel 2019, con quasi il 25% dell’elettorato. Il 2023, ha aggiunto, è un anno chiave per il clima e la biodiversità, su cui sono state criticate le posizioni dell’UDC (un cui esponente, Albert Rösti, ricopre da poche settimane il Dipartimento federale responsabile dell’ambiente (DATEC).

Nel pomeriggio è stato approvato anche il programma elettorale. E ha rivendicato i risultati ottenuti dal suo partito: in parlamento i Verdi sono riusciti a trovare una maggioranza per quanto riguarda il controprogetto indiretto all’iniziativa sui ghiacciai, ossia la legge con cui la Confederazione intende raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.

Contenuto esterno


Attualità

adesivi che indicano direzioni in tedesco e ucraino

Altri sviluppi

Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi

Questo contenuto è stato pubblicato al Due mozioni parlamentari chiedono che le condizioni e le regole riguardanti lo statuto di protezione S concesso alle rifugiate e ai rifugiati ucraini vengano inasprite per evitare abusi.

Di più Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi
bandiera svizzera

Altri sviluppi

Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli economisti di UBS, la Svizzera presenta una vulnerabilità superiore alla media agli shock geopolitici, ma nel contempo il Paese ha imparato anche a far fronte ai relativi rischi.

Di più Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici
confezioni di cereali

Altri sviluppi

Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé

Questo contenuto è stato pubblicato al Public Eye ha chiesto alla Segreteria di Stato dell'economia (Seco) di trascinare davanti alla giustizia Nestlé, rea secondo l'organizzazione non governativa di vendere prodotti per l'infanzia con zucchero aggiunto nei Paesi a basso reddito.

Di più Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé
Thomas Aeschi

Altri sviluppi

Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il consigliere nazionale e presidente del gruppo parlamentare dell'Unione democratica di centro, Thomas Aeschi, si è azzuffato mercoledì mattina con agenti di polizia armati, di guardia a Palazzo federale.

Di più Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale
Françoise Hardy

Altri sviluppi

È morta Françoise Hardy

Questo contenuto è stato pubblicato al La cantante e attrice francese, icona degli anni Sessanta, è morta martedì all'età di 80 anni.

Di più È morta Françoise Hardy
Hunter Biden

Altri sviluppi

Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco

Questo contenuto è stato pubblicato al Un tribunale del Delaware ha condannato il figlio del presidente statunitense per aver violato le leggi che vietano alle persone con una dipendenza da droghe illegale di possedere armi da fuoco. La pena massima è di 25 anni di prigione, ma essendo incensurato è probabile che non finirà dietro alle sbarre.

Di più Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco
emmanuel macron

Altri sviluppi

Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune

Questo contenuto è stato pubblicato al In vista delle elezioni anticipate convocate per il 30 giugno, il presidente francese ha invitato le forze repubblicane a lavorare assieme per contrastare l'avanzata dell'estrema destra, uscita vittoriosa dalle europee.

Di più Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune
persone che manifestano

Altri sviluppi

Il Parlamento svizzero critica la sentenza della CEDU sul clima

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo il Consiglio degli Stati, anche il Nazionale ha approvato mercoledì una dichiarazione non vincolante che invita il Governo a non dar seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più Il Parlamento svizzero critica la sentenza della CEDU sul clima

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR