La televisione svizzera per l’Italia

L’immigrazione cresce in Svizzera, trainata dall’economia

Lavoratori stranieri in forte aumento in Svizzera.
Lavoratori stranieri in forte aumento in Svizzera, soprattutto dall'UE. © Keystone / Christian Beutler

I residenti stranieri, soprattutto quelli che svolgono un’attività lucrativa (+26%), sono aumentati anche nel 2022. Tra i nuovi arrivati gli e le italiane sono al secondo posto.

Sulla scia dell’estrema dinamicità del mercato del lavoro elvetico l’anno scorso è ulteriormente aumentato il numero di stranieri residenti. Il saldo tra arrivi e partenze è infatti stato di 81’345 persone, vale a dire 19’819 in più rispetto al 2021.  

Secondo quanto ha reso noto la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) le straniere e gli stranieri che si sono stabiliti in modo permanente negli scorsi 12 mesi nella Confederazione sono stati 162’435, di cui 114’393 da Paesi dell’UE/AELS (+19’523, +20,6 %).

Arrivi da Germania e Italia

Tra di essi i neo residenti italiani sono stati 17’961, al secondo posto dopo i germanici (23’300) e appena davanti ai francesi (17’301). Più contenuti invece gli arrivi da Paesi extraeuropei, cresciuti di 1’363 unità a 48’042 (+2,9%) rispetto all’anno precedente.

Contenuto esterno

Va aggiunto che nello stesso periodo in esame 8’165 residenti italiani e italiane hanno lasciato la Confederazione, preceduti in questa particolare classifica da 11’218 germanici, 10’061 portoghesi e 8’206 francesi, partiti anch’essi per altri Paesi. In totale sono stati 73’736 le e i residenti stranieri che sono partiti a titolo definitivo (-656 persone rispetto al 2021).

Sull’evoluzione migratoria in corso influisce la situazione del mercato del lavoro interno, nel quale hanno trovato occupazione a tempo indeterminato 90’633 persone provenienti da oltre confine, vale a dire il 26% in più nel confronto con il 2021 (71’955).

Economia dinamica

In proposito la stessa SEM ha spiegato che l’incremento dei soggiorni di lunga durata “è dovuto alla domanda da parte delle imprese nei settori dei servizi, dell’industria e della costruzione” e “rispecchia lo sviluppo dinamico dell’economia”, su cui si è innestato anche il ciclo positivo del post-pandemia.

Nel comparto servizi i settori che hanno segnato i maggiori aumenti sono quelli che tradizionalmente registrano un forte numero di immigrati, ossia pianificazione, consulenza e informatica, settore alberghiero e ristorazione, commercio e salute.

In totale a fine 2022 erano 2’241’854 le cittadine e i cittadini stranieri residenti a titolo permanente in Svizzera – 1’488’237 con passaporto UE/AELS e 753’617 provenienti da Stati terzi – su una popolazione totale di 8’738’791Collegamento esterno abitanti. Tra di essi la comunità italiana resta la più numerosa, con 335’755 residenti, seguiti dai tedeschi (317’544 persone), dai portoghesi (257’829 persone) e dai francesi (157’769 persone).

Numerosi ricongiungimenti familiari

Tra i fattori rilevanti che originano i flussi migratori in entrata ci sono i ricongiungimenti familiari – uno su quattro (26,5%) del totale delle entrate a titolo permanente nella Confederazione nel 2022 – che si sono tradotti in 43’026 arrivi (+7,4%): per il 16,5% hanno riguardato familiari di un o una cittadina svizzera. Mentre i soggiorni per formazione (o formazione continua) hanno rappresentato il 10,4% dell’immigrazione stabile (16’827 persone).

Per completare il quadro c’è da aggiungere che, sempre nel 2022, 41’321 stranieri e straniere hanno acquisito il passaporto svizzero, di cui 8’946 originari della Germania, 4’648 dell’Italia e 3’661 della Francia.

Attualità

Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera
Un treno entra in una stazione di periferia.

Altri sviluppi

Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

Questo contenuto è stato pubblicato al Per l'insieme della Svizzera, il 94,46% dei treni è arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo rispetto all'orario stabilito, contro il 94,92% nell'anno precedente. Nel settore degli autobus, il numero delle corse puntuali si situa sotto la soglia del 90%.

Di più Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali
Un cacciatore.

Altri sviluppi

Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi

Questo contenuto è stato pubblicato al L'abbattimento dei lupi nei Grigioni, a determinate condizioni, sarà estesa quest'autunno per la prima volta ai titolari delle patenti per la caccia alta.

Di più Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi
baume schneider su schermi durante discorso

Altri sviluppi

Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale e direttrice del Dipartimento federale dell'interno (DFI) Elisabeth Baume-Schneider ha invitato i membri dell'OMS a impegnarsi per un'intesa contro le pandemie.

Di più Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR