Navigation

L'home schooling è tutt'altro che finito

Keystone / Rafal Guz

La scuola è ricominciata in diversi cantoni. A caratterizzare questo rientro in classe è anche il numero crescente di chi -in classe- non ci è tornato. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 agosto 2021 - 23:42
fvsvizzera.it/MaMi

Sono in aumento i genitori che decidono di non mandare più i figli a scuola. Per paura del Covid o perché contrari alle misure. Sta di fatto che a Zurigo il numero di ragazzi che farà scuola a casa, è passato da 250 a 500. Lidia De Bernardi ha incontrato una madre che ha fatto questa scelta. 

Marija Lardori ha due figli alle elementari. Ne ha abbastanza di test, mascherine e misure anti-Covid a scuola. Per questo ha deciso: dopo la prima settimana di lezioni, non vuole che i suoi figli ci vadano più, e ha inoltrato la richiesta per l'insegnamento a domicilio.

¨
"Mio marito ed io ne abbiamo parlato a lungo, ogni sera. Lui era dell'opinione di aspettare  la prima settimana di scuola , per far cominciare la prima a nostro figlio e vedere com'è la situazione. Poi però è arrivata una lettera piena di richieste e raccomandazioni anti-covid, e abbiamo deciso di inoltrare la richiesta, e tenere a casa i nostri figli da lunedì prossimo."

Con le misure si ruba l'infanzia ai bambini, dice. E come lei sono in tanti: con la ripresa, oggi, delle lezioni, nel canton Zurigo sono raddoppiati i ragazzi che faranno l'homeschooling. 

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.