Navigation

L'ex più giovane sindaca afghana di passaggio in Svizzera

Per il suo discorso all’ONU, in occasione della giornata per la pace, Zarifa Ghafari ha scelto un abito tradizione afghano, per mostrare che sono i colori a rappresentare il suo paese e non il nero dei burka. Keystone / Salvatore Di Nolfi

Zarifa Ghafari, 29 anni, è fuggita dall'Afghanistan dopo la presa del potere da parte dei talebani. In questi giorni era nella Confederazione, dove ha testimoniato davanti all'ONU.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 settembre 2021 - 20:51
tvsvizzera.it/mar

Sindaca di Maidan Shar, nei pressi di Kabul, la donna è riuscita ad uscire dal Paese e a rifugiarsi in Germania.

In passato Zarifa Ghafari è stata presa di mira più volte dai talebani e il padre, un ex ufficiale dell'esercito afghano, è stato ucciso qualche mese fa dai radicali islamisti.

Da quando è arrivata in Europa, la donna cerca di sensibilizzare l'opinione pubblica alla situazione dell'Afghanistan e questa settimana ha testimoniato davanti alle Nazioni Unite a Ginevra e davanti ad alcune classi.

In particolare, Zarifa Ghafari ha chiesto alla comunità internazionale di negoziare coi talebani, ponendo però delle esigenze. " Non possono governare senza le donne, i media, i militanti dei diritti sociali, e tutto coloro che rappresentano i diritti umani", ha sottolineato.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.