La televisione svizzera per l’Italia

L’abolizione dell’imposta sulla casa si fa strada in Parlamento

Il valore locativo che grava sui proprietari di casa portebbe presto essere abolito in Svizzera.
Il valore locativo che grava sui proprietari di casa portebbe presto essere abolito in Svizzera. © Keystone / Michael Buholzer

Dopo gli Stati anche il Consiglio Nazionale è favorevole alla soppressione del valore locativo ma restano rilevanti divergenze con l’altra Camera.

La tormentata vicenda del valore locativo, una delle imposte sui generis che gravano sulla casa in Svizzera e che da lungo tempo si tenta di abolire, ha conosciuto mercoledì l’ennesimo sviluppo parlamentare.

La Camera bassa si è infatti pronunciata, con 138 voti contro 31, in favore della sua soppressione non solo per le residenze principali ma anche per quelle secondarie. Il Consiglio Nazionale è quindi andato oltre la proposta dei senatori, intenzionati a eliminarlo solo sulla prima casa.

Garantita la parità di trattamento

Una tesi su cui ha concordato la consigliera federale Karin Keller-Sutter secondo cui il mantenimento di due sistemi paralleli è poco opportuno poiché causerebbe un notevole peso burocratico. “Solo un cambiamento completo del sistema garantirebbe la parità di trattamento”, ha aggiunto la ministra delle finanze, che ha condiviso l’opinione di chi ha sollevato una questione di costituzionalità su questo aspetto. 

L’esito finale della vicenda resta comunque aperto. Dalla sua introduzione nel 1915 la questione divide la politica e i numerosi tentativi per abolire questa imposta tipicamente elvetica sono puntualmente falliti, sia in Parlamento, sia alle urne.

+ Le tasse sulla casa in Svizzera

Le e i contribuenti elvetici sono infatti tenuti a inserire questo reddito fittizio, proporzionale al valore dell’immobile, nella loro dichiarazione fiscale anche se abitano nella casa di proprietà o se questa resta vuota. In compenso possono dedurre gli interessi passivi corrisposti per l’ipoteca e le spese di manutenzione (forfettarie o comprovate con specifica documentazione) dell’alloggio.  

Naturalmente se questa volta la proposta parlamentare avrà successo, verrà meno anche la possibilità di dedurre dalle imposte i lavori di manutenzione e gli oneri ipotecari (dal reddito potrebbero essere dedotte, a determinate condizioni, solo le spese per la tutela dei monumenti storici).

Debiti e deduzioni fiscali

E verosimilmente gli svizzeri e le svizzere non saranno più un popolo di proprietari gravati da ipoteche che non si estinguono mai, dal momento che non sarà più fiscalmente (pur esistendo il valore locativo e l’imposta patrimoniale sulla sostanza) conveniente mantenere cospicui debiti immobiliari.

Sulle misure che saranno avanzate per limitare l’incentivo all’indebitamento c’erano sul tavolo diverse proposte. Il Nazionale alla fine si è orientato in favore della deduzione degli interessi maturati su debiti fino al 40% dei redditi da sostanza imponibili.

Respinte quindi le varie proposte che chiedevano una deduzione fino al 70%, come voluto dal Consiglio degli Stati (proposta respinta con 110 voti contro 80), una limitazione della deduzione al 40% dei soli redditi da sostanza immobiliare (105 a 85) o lo stralcio integrale di tale possibilità (105 a 84). Oggi è possibile dedurre gli interessi maturati su debiti sul 100% dei redditi da sostanza imponibili e ulteriori 50’000 franchi.

La Camera del popolo  si è poi trovata d’accordo con gli Stati nel concedere a chi acquista una prima casa la possibilità di dedurre parte degli interessi ipotecari per i primi dieci anni: 5’000 mila franchi per il primo anno o 10’000 per le coppie sposate, per poi diminuire linearmente.

Niente incentivi indiretti al risparmio energetico

Infine la proposta che chiedeva di poter dedurre anche gli investimenti destinati al risparmio energetico è stata bocciata con 103 voti contro 83. “È meglio puntare sui sussidi diretti”, ha detto Franziska Ryser a nome dei Verdi. I cantoni potranno però concedere se lo desiderano detrazioni concernenti i costi di rinnovamento energetico, fino al 2050, al fine di raggiungere gli obiettivi climatici. Rigettata anche la possibilità chiesta dall’UDC di introdurre deduzioni per gli inquilini (decisione presa con 133 voti a 59).

Contro l’intero impianto del progetto si è schierata la sinistra che, a suo dire, non fa altro che peggiorare la situazione che vede gli inquilini discriminati rispetto ai proprietari.


Attualità

Medico e paziente

Altri sviluppi

Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario

Questo contenuto è stato pubblicato al Considerate ormai obsolete, le tariffe per le cure ambulatoriali in vigore dal 2004 (TARMED) saranno sostituite nel 2026 dalla nuova struttura tariffale per singola prestazione TARDOC e da una struttura tariffale con importi forfettari.

Di più Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario
Rösti nel corso della conferenza stampa del Governo.

Altri sviluppi

“Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”

Questo contenuto è stato pubblicato al Come compromesso all'iniziativa popolare che chiede un abbassamento della quota da destinare al servizio pubblico radiotelevisivo svizzero, il Consiglio federale propone di scendere a 300 franchi.

Di più “Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”
Combattenti di Hezbollah.

Altri sviluppi

Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano

Questo contenuto è stato pubblicato al Cresce il timore di uno scontro totale imminente tra Israele e gli Hezbollah libanesi, con conseguenze difficili da prevedere.

Di più Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano
L'entrata di una filiale della banca UBS in Ticino.

Altri sviluppi

L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza

Questo contenuto è stato pubblicato al La concorrenza in ambito bancario in Svizzera non è stata minacciata dall'acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS. È quanto comunica l'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari al termine della sua procedura di controllo.

Di più L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza
Parco solare di St. Imier.

Altri sviluppi

Transizione energetica, la Svizzera tra i Paesi più virtuosi

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel campo della transazione energetica, la Svizzera si piazza al quarto rango mondiale. Meglio della Confederazione lo fanno solo tre Paesi nordici, Svezia, Danimarca e Finlandia.

Di più Transizione energetica, la Svizzera tra i Paesi più virtuosi
Il procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler

Altri sviluppi

Maggior peso al controspionaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al È il pensiero del procuratore generale della Confederazione. La minaccia per la Svizzera derivante dallo spionaggio straniero, in particolare russo e cinese, resta elevata.

Di più Maggior peso al controspionaggio
Naufragio del 17 giugno 2023 al largo della Calabria.

Altri sviluppi

Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore

Questo contenuto è stato pubblicato al Le tragedie hanno causato la morte di almeno 16 persone. Un numero molto approssimativo perché - stando alle testimonianze - i dispersi sarebbero decine.

Di più Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore
soldati svizzeri

Altri sviluppi

Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo la Commissione delle finanze, anche quella della politica di sicurezza del Nazionale è a favore di un aumento di ulteriori 4 miliardi di franchi per il periodo 2025-2028.

Di più Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR