Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Kobe Bryant, spettacolare addio alla NBA

Dopo 20 anni di carriera, il giocatore dei Lakers ha giocato la sua ultima partita segnando 60 punti contro gli Utah Jazz

Non poteva essere migliore l'addio di Kobe Bryant alla NBA. Dopo 20 anni di carriera, il giocatore dei Los Angeles Lakers ha giocato mercoledì sera la sua ultima partita nel massimo campionato di basket e lo ha fatto nel migliore dei modi, segnando ben 60 punti contro gli Utah Jazz.

Cinque titoli vinti, tutti con la sua squadra del cuore, e 2 ori olimpici con la nazionale statunitense, Kobe Bryant rimarrà una leggenda della pallacanestro.

Uno Staples Center tutto esaurito ha salutato uno dei suoi più grandi campioni. I tifosi dei Los Angeles Lakers, tra cui anche molte celebrità, non potevano perdersi l'ultima partita in NBA di Kobe Bryant, che dopo 20 anni giocati sempre nella stessa squadra si è congedato da vincente, giocando una delle migliori partite della stagione.

Un finale degno di una leggenda del basket, che non è riuscito a trattenere l'emozione: "Non posso credere che sia finita. Sono sempre stato un tifoso dei Lakers prima ancora di giocarci, grazie dal profondo del mio cuore. Vi amo ragazzi."

Bryant aveva annunciato il suo ritiro lo scorso novembre, dopo le ultime stagioni caratterizzate da diversi infortuni. "Il mio cuoore e la mia mente sono ancora pronti, ma il mio corpo sa che è tempo di dire addio", aveva spiegato il 37enne.

Cinque titoli NBA con la maglia giallo viola, 2 ori olimpici con la nazionale statunitense, una vita dedicata al basket, l'amore della sua vita, trasmessogli dal padre Joe, che ha giocato anche in Italia, dove Kobe è cresciuto e con cui ha mantenuto un forte legame.

"Ritornerò sicuramente in Italia per aiutare i giovani a giocare questo gioco bellissimo. Però per me a livello professionale questa porta è chiusa."

Per questo, la serata di mercoledì rimarrà ancor piu memorabile. La sua immagine stampata sulla sua arena, code di tifosi giunti per vederlo giocare un'ultima volta e per accaparrarsi quella maglietta col numero 24 in ricordo del loro campione.

×