Navigation

Orrori in diretta web, le responsabilità dei social media

Su Facebook sono circolate scene orribili, prima che la polizia arrivasse ad arrestare i responsabili. Quattro persone infatti sono finite in manette a Chicago dopo aver diffuso un filmato in cui in branco picchiavano e torturavano un 18enne con disabilità mentale. Un atto criminale che riaccende la discussione sulle responsabilità dei social media.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 gennaio 2017 - 18:45
tvsvizzera.it/ZZ con RSI (TG del 07.01.2017)

 

Contenuto esterno

Un tasto per condividere in diretta quello che ci sta di fronte, senza filtri. È il nuovo pulsante alla portata degli utenti di Facebook, il social network più diffuso al mondo. È certo una forma di libertà, ma ci sono anche dei rischi. 

Tra false notizie e ricerca di visibilità perverse, sono molti gli interrogativi sollevati riguardo alle responsabilità delle reti sociali: semplici bacheche o contenitori per nulla innocenti?  

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.