Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Incremento del 2% Aumenta la violenza tra le mura di casa

(1)

Lo scorso anno sono aumentati del 2 per cento gli episodi di violenza tra le mura di casa in Svizzera. La stragrande maggioranza delle vittime - nei tre quarti dei casi sui 17'685 totali censiti dalla polizia - continuano ad essere le donne, quasi sempre (nell’80 per cento delle situazioni registrate) aggredite dal partner o dall’ex compagno.

Il numero di persone uccise (18 donne e un bambino) è comunque calato se si considera che l’anno precedente i decessi a seguito di spari (30%), accoltellamenti (24%) o altri tipi di violenza fisica sono state 36.

 Più nel dettaglio l’indagineLink esterno elaborata dall’Ufficio federale di statistica (UST)Link esterno evidenzia che le accuse di lesioni gravi nel 2016 sono state 98, il 16% in più rispetto all'anno prima e i tentati omicidi rimangono stabili a 52. La polizia ha registrato anche 2’017 lesioni semplici, 739 casi di coazione (-4%), 5’412 vie di fatto (+4,5%), quattro matrimoni forzati (10 nel 2015), 2’916 ingiurie, 4’189 minacce e 359 atti sessuali con fanciulli, 11 in più rispetto al 2015.

Litigi nel fine settimana

La maggior parte degli episodi di violenza famigliare avviene fra le mura domestiche durante il fine settimana, in particolare la domenica sera. Le aggressioni classificate come gravi a donne sono state 447 e molto spesso la polizia era già intervenuta a dirimere litigi o era già stata inoltrata in precedenza una denuncia (15%).

Per le coppie e gli ex partner, la violenza sessuale rappresenta oltre il 60% del totale dei reati. Le donne straniere risultano essere quattro volte più a rischio rispetto alle svizzere e l'età in cui gli aggrediti sono più vulnerabili è tra i 25 e i 29 anni.

Quiando le vittime sono uomini

Ma negli ultimi tempi sta emergendo un fenomeno di cui non si parla molto, anche per ritrosie di tipo culturale: quello delle vittime di sesso maschile che rappresentano ormai quasi un caso su quattro. A Berna e Lucerna sono stati istituiti alloggi protetti per uomini sul modello di quello già esistente nel Canton Argovia.

Nel servizio la testimonianza di Robert, che ha soggiornato in uno di questi appartamenti dopo essere uscito dall’ospedale dove era stato ricoverato d’urgenza per essere stato accoltellato alla schiena dalla compagna. 

tvsvizzera/spal con RSI (TG del 14.6.2017)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×