Navigation

"Gravi danni strutturali" sullo Junkers precipitato in agosto

L'Ufficio federale dell'aviazione civile (Ufac) ha emesso un divieto di volo temporaneo per gli altri due Ju-52 che sorvolano i cieli svizzeri.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 novembre 2018 - 21:01
tvsvizzera/mar/ats con RSI (TG del 20.11.2018)
Contenuto esterno


L'incidente, avvenuto lo scorso 4 agosto nei Grigioni, aveva causato la morte delle 20 persone che si trovavano a bordo del vecchio velivolo.

Dai primi risultati Link esternodegli esami del Servizio di inchiesta svizzero sulla sicurezza (Sisi) è emerso che l'apparecchio presentava gravi danni strutturali ai longheroni delle ali (l'elemento portante dell'ala) e di altri parti all'interno della superficie alare.

Questi danni – precisa il Sisi – "non erano rilevabili nel corso delle normali ispezioni e manutenzioni e sono stati individuati solo a seguito dell'esame dei rottami recuperati".

Tuttavia – informa l'Ufac -questi danni non avrebbero alcuna relazione con l'incidente e per ora non "emerge alcun indizio che riconduca l'incidente […] a un grave problema tecnico".

Considerati i danni strutturali rilevati sull'aereo precipitato, l'Ufac ha imposto un divieto di volo per gli altri due JU-52 della JU-Air stazionati a Dübendorf, poiché entrambi risalgono allo stesso periodo di costruzione di quello schiantatosi e hanno un numero simile di ore di esercizio: perché i voli possano riprendere "dovrà essere garantito che non presentino anch'essi gli stessi danni".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.