In mostra a Basilea Omaggio all'artista svizzera Taeuber-Arp

Un opera di Sophie Taeuber-Arp esposta a Basilea.

L'esposizione è stata un'idea del Museum of Modern Art di New York, dove presto la mostra si sposterà. Più tardi sarà anche in mostra alla Tate Modern di Londra.

Keystone / Georgios Kefalas

Sophie Taeuber Arp è stata una figura importante dell'arte moderna di inizio Novecento, pioniera dell'astratto, dalla pittura al design di interni. Tre musei prestigiosi le rendono ora omaggio con un'ampia retrospettiva che si è aperta al Kunstmuseum di Basilea e che poi andrà al Museum of Modern Art di New York e alla Tate Modern di Londra.

Ci sono molte ragioni per cui Sophie Taeuber-Arp (1889-1943) è stata a lungo ignorata come artista. Stava all'ombra di suo marito Hans Arp e, come una donna pragmatica, produceva artigianato invece di arte nobile. Oggi questo si chiama design. All'epoca uccideva le carriere artistiche.

A differenza di molti altri artisti, però, Sophie Taeuber-Arp è stata riscoperta presto in Svizzera. Dagli anni '70, i suoi lavori di artigianato sono altrettanto interessanti quanto i suoi tardivi dipinti astratti.

La mostra al Kunstmuseum Basel ora giustappone le due cose e quindi non mostra nulla di veramente nuovo per la Svizzera. Nel 2014, l'ultima grande retrospettiva del suo lavoro è stata esposta alla Aargauer Kunsthaus.

Idea del MoMA

L'esposizione, aperta a Basilea, è stata un'idea del Museum of Modern Art di New York, dove presto la mostra si sposterà. Più tardi sarà anche in mostra alla Tate Modern di Londra.

La panoramica dell'intera opera dell'artista è davvero nuova per il mondo anglosassone. Questo spiega anche l'argomentazione di fondo che, attraverso Sophie Taeuber-Arp, lamenta le donne escluse dalla storia dell'arte e i punti ciechi del canone.

La ricca mostra è tutt'altro che accademica. Intrattiene i suoi visitatori con sorprendenti assi visivi e sottili messe in scena: Una pista da ballo nera nelle singole stanze altera lo sguardo e il passo del pubblico, che è abituato ai parquet duri del museo. E si riferisce alla voglia di muoversi di Taeuber-Arp, che era entusiasta della danza espressiva e dei balli in maschera.

È anche visibile che Taeuber-Arp ha allenato il suo senso del movimento e dell'equilibrio come designer. Ed è riuscita a sfruttarlo nelle sue ultime opere poco prima della sua morte.

I cerchi neri con ritagli rotondi, le linee che si arricciano come spaghetti sulla pagina o gli ombrelli astratti ispirano. Questi disegni sono stati creati mentre fuggiva dai nazisti in Francia. L'artista ha dovuto lasciare il suo cavalletto, la tela e altre cose. 

Anche se Sophie Taeuber-Arp è oggi facilmente appropriata come pioniera svizzera, durante gli anni della guerra poté entrare in Svizzera solo con visti temporanei e fu sempre rimandata in Francia. Morì a Zurigo nel 1943 durante una visita volante.


tvsvizzera.it/fra con RSI e SRF


La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.


Parole chiave