La televisione svizzera per l’Italia

In arrivo un WEF da record

uomo in giacca e cravatta davanti a telecamere
Il fondatore del WEF Klaus Schwab: "Dobbiamo creare le condizioni per una ripresa forte e duratura". © Keystone / Laurent Gillieron

Davos si prepara ad accogliere un numero record di capi di Stato e rappresentanti governativi nel corso del Forum economico mondiale (WEF) che si svolgerà dal 16 al 20 gennaio.

Un numero record di leader mondiali è atteso la prossima settimana a Davos, nel canton Grigioni, dove dal 16 al 20 gennaio si terrà l’edizione 2023 del Forum economico mondiale (WEF).

Secondo quanto dichiarato martedì dagli organizzatori nell’ambito di una conferenza stampa di presentazione a Ginevra, nella località di montagna grigionese arriveranno 52 fra capi di Stato e di Governo.

Non mancherà qualche pezzo grosso della scena politica internazionale, come il cancelliere tedesco Olaf Scholz e la presidente della Commissione europea, la sua connazionale Ursula von der Leyen. Tra gli altri presenti anche il presidente polacco Andrzej Duda e il suo omologo serbo Aleksandar Vucic, così come il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, quello olandese Mark Rutte e la premier finlandese Sanna Marin.

Per quanto riguarda le varie istituzioni, ci sarà la numero uno della Banca centrale europea, la francese Christine Lagarde, e la direttrice operativa del Fondo monetario internazionale, la bulgara Kristalina Georgieva. Nell’elenco di big figurano pure il segretario generale dell’ONU Antonio Guterres e quello della NATO Jens Stoltenberg.

Assenze importanti

Sono parecchie le potenze che hanno dal canto loro rinunciato a inviare nei Grigioni i loro rappresentanti di più alto spicco. È il caso di Stati Uniti, Regno Unito e Francia, nonché Cina e Russia. Si vocifera di una possibile visita-lampo del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ma questa indiscrezione non ha per ora trovato conferme ufficiali.

A indossare i panni del padrone di casa ci penserà il neo presidente della Confederazione Alain Berset che, oltre a farsi carico del discorso di apertura, presiederà una riunione di una ventina di ministri della cultura europei (Berset stesso è anche capo del Dipartimento federale dell’interno, che comprende anche l’Ufficio federale della cultura). Tra i consiglieri federali, l’unica assenza sarà quella di Elisabeth Baume-Schneider.

In totale, è previsto che al WEF partecipino oltre 2’700 persone provenienti da 130 Paesi. Si tratta anche del ritorno del Forum nella sua collocazione tradizionale, ossia la seconda metà di gennaio, dopo lo stop forzato del 2021 e lo spostamento a maggio nel 2022, sempre a causa della pandemia.

Collaborazione in un mondo frammentato

Il tema scelto per l’evento è “La collaborazione in un mondo frammentato”. In questo momento, spiegano gli organizzatori in una nota a margine della conferenza stampa, numerose crisi stanno aggravando le divisioni e lacerando il panorama geopolitico. I leader devono quindi affrontare i bisogni immediati dei cittadini e al contempo gettare le basi per un mondo più sostenibile e resiliente entro la fine del decennio.

“Dobbiamo rafforzare la cooperazione tra il settore governativo e quello imprenditoriale, creando le condizioni per una ripresa forte e duratura”, ha affermato il fondatore e presidente esecutivo del WEF Klaus Schwab. Il programma del 53esimo meeting annuale dei grandi del pianeta si concentrerà sulle soluzioni e sul rapporto tra pubblico e privato per affrontare le sfide più urgenti del mondo: la minaccia di una recessione globale, la crisi energetica e i cambiamenti climatici.

Attualità

Partecipanti al Pride di Zurigo.

Altri sviluppi

In ventimila al Pride di Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al "Libero sotto ogni aspetto - da 30 anni". Sotto questo motto si è tenuto oggi con la partecipazione di 20'000 persone il Pride di Zurigo.

Di più In ventimila al Pride di Zurigo
Manifestanti a Parigi.

Altri sviluppi

La Francia scende in piazza contro l’estrema destra.

Questo contenuto è stato pubblicato al Sabato diverse migliaia di persone hanno manifestato in Francia per invocare una rivolta "repubblicana" contro l'estrema destra, che potrebbe salire al potere nelle elezioni parlamentari anticipate del 30 giugno e del 7 luglio.

Di più La Francia scende in piazza contro l’estrema destra.
La foto di rito di tutti i leader presenti al G7 con al centro Papa Francesco.

Altri sviluppi

Un Papa per la prima volta al vertice del G7

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la prima volta di un Pontefice partecipa a questo vertice. L'accoglienza è calorosa non solo da parte della premier italiana Giorgia Meloni - "è un momento storico, non ringrazierò mai abbastanza Sua Santità per essere qui" - ma da tutti i Grandi della Terra.

Di più Un Papa per la prima volta al vertice del G7
Raphael Glucksmann.

Altri sviluppi

In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra

Questo contenuto è stato pubblicato al Raphael Glucksmann che ha rilanciato il Partito socialista con il suo movimento Place Publique ritiene che l'unico modo per fermare il Rassemblement National sia la craezione di un'unione di sinistra.

Di più In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra
Una postina svizzera.

Altri sviluppi

Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per risparmiare il Consiglio federale propone che solo il 90% delle lettere e dei pacchi venga consegnato per tempo dalla Posta. Inoltre, si vuole abolire l'obbligo di consegna nelle case abitate tutto l'anno.

Di più Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo
La cascata della Piumogna a Faido.

Altri sviluppi

Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

Questo contenuto è stato pubblicato al La portata del fiume Ticino e dei suoi affluenti in Leventina, tra Airolo e Personico, potranno subire delle importanti variazioni durante l’intero arco delle 24 ore. L'Azienda elettrica ticinese invita la popolazione alla prudenza. 

Di più Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR