Navigation

In Appenzello Interno molti preferiscono i rimedi naturali al vaccino

"La gente qui conosce e si cura con le erbe". Keystone / Martin Ruetschi

Nemmeno il 40% della popolazione del Cantone ha ricevuto le due dosi del vaccino, il tasso più basso della Svizzera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 agosto 2021 - 13:31
tvsvizzera.it/MaMi

Paesaggi da cartolina, da scatola dei pennarelli. Una comunità molto legata alla natura, quella di Appenzello Interno. Ed è proprio questa una delle spiegazioni del tasso più basso di vaccinazioni della Svizzera: nemmeno il 40% della popolazione ha ricevuto le due dosi. 

"Gli appenzellesi sono tradizionalmente scettici verso la medicina ufficiale e i vaccini in generale. È una realtà che ha una lunga storia alle spalle, la gente qui conosce e si cura con le erbe.  E poi c'è la figura dei guaritori religiosi, che curano la gente attraverso la preghiera."

Infatti basta farsi un giro nel centro di Appenzello per rendersi conto che qui le tradizioni e la religione sono ancora ben ancorate nella quotidianità. I rimedi alternativi in vendita sono molti, e la gente segue quanto tramandato da generazioni.  "Noi appenzellesi viviamo nella natura, ci sappiamo curare con le erbe e le piante. Non siamo di quelli che vanno subito dal medico e prendono sempre medicine: lo si vede anche dai nostri premi delle casse malati". Ecco il servizio completo nel TG di oggi.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.