La televisione svizzera per l’Italia

Impiego, impennata di offerte in Svizzera

Un dolce lavoro
Un dolce lavoro Keystone/gaetan Bally

Le aziende elvetiche sono alla disperata ricerca di manodopera nonostante il quadro economico incerto e le incognite legate all'inflazione, all'approvvigionamento energetico e all'indebolimento dell'economia globale.

Nel 2022 gli annunci di lavoro sono aumentati del 23% rispetto all’anno precedente, facendo segnare un nuovo record, secondo quanto riferisce la multinazionale specializzata nell’intermediazione lavorativa.

L”Adecco Group Swiss Job Market Index, un indicatore che si basa su un’indagine rappresentativa delle offerte di impiego reperibili sui giornali, sui portali specializzati e sui siti web aziendali, mostra anche nel quarto trimestre una crescita che si è attestata al 13% su base annua e al 5% nei confronti con i tre mesi precedenti.

Imprese a caccia di dipendenti

“Il mercato del lavoro elvetico ha chiuso il 2022 in ottima forma”, commenta Marcel Keller, responsabile per la Svizzera di Adecco, citato in un comunicato odierno. “Dopo aver attraversato una fase di stagnazione ad alto livello nei primi tre trimestri del 2022, nell’ultima parte dell’anno il numero di annunci di lavoro è tornato ad aumentare”, ha aggiunto l’esperto secondo cui, “nonostante il rallentamento congiunturale che si sta delineando, le imprese non smettono di andare a caccia di nuovo personale”.

L’incremento degli annunci ha interessato tutte le regioni, con l’eccezione della Svizzera nord-occidentale (-3%). Le zone più dinamiche si sono dimostrate la parte orientale del paese, comprendente anche i Grigioni (+29%), e l’Espace Mittelland, che vede i suoi fulcri nei cantoni di Berna, Neuchâtel e Friburgo (+38%). Zurigo segna +27%, Svizzera sud-occidentale (che nella definizione di Adecco comprende Ticino, Ginevra, Vallese e Vaud) +19% e la Svizzera centrale +12%.

Particolarmente richiesti sono stati i profili nell’ambito dei servizi e della vendita (+47%), su cui ha influito la ripresa del settore alberghiero e della ristorazione, nonché quelli relativi a impieghi d’ufficio e nell’amministrazione (+24%). La domanda è invece apparsa in calo riguardo alle figure dirigenziali (-8%).

Il nodo della formazione continua

La penuria di manodopera è quindi un problema contingente generalizzato nella Confederazione. Autorità e padronato corrono ai ripari investendo nella formazione di base e continua, anche tra categorie meno potenzialmente meno competitive.

Tra di esse gli ultracinquantenni, donne con figli, rifugiati, beneficiari di aiuto sociale. A costituire un freno all’impiego di alcune figure professionali è il latente analfabetismo di ritorno, un fenomeno spesso sottovalutato anche in Svizzera.

Contenuto esterno

Sul mercato del lavoro elvetico l’approfondimento di Falò, il settimanale d’informazione della RSI.


Attualità

manette

Altri sviluppi

Uccide un 77enne in Germania, arrestato a Berna

Questo contenuto è stato pubblicato al Un 21enne, sospettato di aver ucciso otto giorni fa a Friburgo (Germania) un 77enne nel corso di un furto con scasso, è stato arrestato a Berna.

Di più Uccide un 77enne in Germania, arrestato a Berna
nick hayek accende un sigaro

Altri sviluppi

Il CEO di Swatch: “Non è vero che cancello posti”

Questo contenuto è stato pubblicato al Non è vero che Swatch sta cancellando discretamente impieghi e la strategia del gruppo è buona, malgrado quanto dica la Neue Zürcher Zeitung (NZZ), che agisce peraltro in malafede.

Di più Il CEO di Swatch: “Non è vero che cancello posti”
In primo piano l'entrata della Casa d'Italia a Zurigo.

Altri sviluppi

La Casa d’Italia a Zurigo sarà rimessa a nuovo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'avvio del cantiere è previsto per il 2 settembre prossimo. Il costo della ristrutturazione si aggira attorno ai 14 milioni di franchi. La decisione da parte del Governo italiano era attesa da sette anni.

Di più La Casa d’Italia a Zurigo sarà rimessa a nuovo
thomas aeschi

Altri sviluppi

Zuffa a Palazzo federale, avviati accertamenti

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Ministero pubblico della Confederazione ha avviato degli accertamenti sulla zuffa che a Palazzo federale lo scorso 12 giugno ha coinvolto il democentrista Thomas Aeschi e alcuni agenti di polizia.

Di più Zuffa a Palazzo federale, avviati accertamenti
paul watson

Altri sviluppi

Arrestato il fondatore di Sea Shepherd

Questo contenuto è stato pubblicato al Paul Watson, fondatore di Sea Shepherd e attivista da tempo impegnato contro la caccia alle balene, è stato arrestato domenica in Groenlandia in base a un mandato internazionale emesso dal Giappone.

Di più Arrestato il fondatore di Sea Shepherd
kamala harris

Altri sviluppi

Dopo il ritiro di Joe Biden, Kamala Harris è sostenuta da più parti

Questo contenuto è stato pubblicato al I 50 presidenti statali del partito democratico statunitense hanno appoggiato Kamala Harris, sostenendola come nuova candidata presidenziale del partito, che si confronterà con Donald Trump.

Di più Dopo il ritiro di Joe Biden, Kamala Harris è sostenuta da più parti
obre di combattenti houthi

Altri sviluppi

Yemen, gli Houthi promettono vendetta contro Israele

Questo contenuto è stato pubblicato al I ribelli Houthi che controllano lo Yemen hanno promesso una risposta totale e senza regole nei confronti di Israele, dopo il bombardamento subìto sabato sera nell'importante porto di Al-Hudayda.

Di più Yemen, gli Houthi promettono vendetta contro Israele

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR