Navigation

iLondinium #28: la musica degli oggetti

Quando la musica diventa movimento

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 maggio 2015 - 10:07

Come portare la musica (elettronica) fuori dagli studi di registrazione, e darle una dimensione live, "improvvisativa", inesplorata. C'è riuscito Bruno Zamborlin, 30 anni, da quattro a Londra, che ha inventato Mogees, un'app per smartphone che trasforma le proprietà acustiche degli oggetti in musica.

Abbinata ad un sensore che individua e analizza le vibrazioni che si creano quando tocchiamo un oggetto, Mogees rileva e traduce queste proprietà acustiche in suoni musicali. Così da creare una una musica senza i classici strumenti, ma semplicemente attraverso gli oggetti comuni che ci circondano.

L'intervista a Bruno Zamborlin è di Lorenzo Amuso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.