Navigation

iLondinium #24: La moda etica, tra fashion e sostenibilità

Da Caltanisetta a New York con base a Londra: Eva Cammarata, siciliana, la sua creatività passa attraverso la scelta di materiali insoliti, biodegradabili, il più naturali possibili

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 aprile 2015 - 10:17

Da Caltanissetta a New York, con base a Londra. Eva Cammarata si definisce una "stilista etica", che insegue la sua creatività anche attraverso la scelta di materiali insoliti, biodegradabili, il più naturali possibili. La sua è una moda sostenibile, che cerca non solo di fare "il meno male possibile all'ambiente che la produce ma anche del bene a chi la indossa". Così oltre ad usare materiali più classici come seta e lana, senza aggiunta di prodotti chimici, per i suoi abiti Eva utilizza anche latte e legno riciclato. "Perché il progresso è saper lavorare in armonia con la natura", spiega Eva che disegna per "una donna moderna che lavora e che vuole essere impeccabile ma senza rinunciare alla comodità".

L'intervista è di Lorenzo Amuso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.