Navigation

iLondinium #15: una comunità di aggiustatutto

Intervista a Ugo Vallauri fondatore di "The restart project", un progetto contro il consumismo

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 febbraio 2015 - 00:23

Una comunità di aggiustatutto. Non anti-tecnologica né ispirata ad un neo-luddismo. Ma che insegue un rapporto più consapevole, dunque etico, con gli strumenti tecnologici. Che siano computer o cellulari o stampanti.

Perché nei party organizzati da The Restart Project si impara a riparare qualsiasi oggetto, gratuitamente. Contro il consumismo usa e getta, "riparalo, non disperare": è il motto pensato da Ugo Vallauri che assieme a Janet Gunter ha dato vita a questo movimento cha ormai ha superato i confini britannici per arrivare anche in Israele e Tunisia.

L'intervista è di Lorenzo Amuso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.