Navigation

iLondinium #13: vino sfuso in centro a Londra

La scommessa di Lorenzo Rocca che intende aprire una catena di enoteche con le produzioni di piccole cantine italiane offerte in bottiglie riciclate

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 gennaio 2015 - 16:43

Vendere vino a Londra, non in bottiglia ma sfuso. E' questa la scommessa di quattro amici (tre italiani e un inglese) che hanno deciso di aprire un'enoteca al motto di "bring our bottles", portaci le nostre bottiglie. Una scelta commerciale per abbattere i costi ma anche ecologica, per limitare l'inquinamento del trasporto merci.

Dopo una prima apertura nel quartiere di Crystal Palace, servita per testare i gusti della clientela inglese, l'ambizione di Lorenzo Rocca è di aprire una catena di enoteche ("uno Starbucks del vino") dove si vende vino di piccoli produttori italiani, in un modo eco-friendly, soprattutto riciclando le bottiglie. Un modo originale, sconosciuto finora all'estero, come si usava un tempo con i vinaini toscani.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.