Navigation

Il primo scrutinio per il Quirinale sarà probabilmente poco risolutivo

La prima elezione nell'era Covid richiede particolari misure di prevenzione. Keystone / Ettore Ferrari

Si apre - e molto probabilmente si chiuderà - al buio la prima giornata, quella odierna, dedicata all'elezione del tredicesimo presidente della Repubblica italiana.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 gennaio 2022 - 11:38
tvsvizzera.it/MaMi con Keystone-ATS

A partire dalle 15 di oggi, a Montecitorio i grandi elettori, diventati 1008 dopo la morte, ieri sera, del deputato Enzo Fasano, saranno i primi ad esprimersi in merito a chi dovrà sostituire l'attuale presidente Sergio Mattarella.

La prima elezione nell'era Covid richiede misure di prevenzione attente: si vota in 50 alla volta, massimo 200 persone in aula e per i contagiati è previsto il voto drive in nel parcheggio di via della Missione.

Molte le schede bianche attese

Malgrado i contatti frenetici e gli incontri previsti in mattinata, è stallo tra i partiti e l'indicazione della maggior parte dei gruppi per la prima chiama, che prevede i due terzi dei votanti, sarà di votare scheda bianca.

Nel frattempo i leader cercheranno la via per uscire dall'impasse, mentre di buon mattino il premier Mario Draghi è rientrato a Roma dopo un week end a Città della Pieve. Draghi al Colle "potrebbe garantire il percorso delle riforme; al contrario, se non venisse eletto, il suo ruolo di premier verrebbe indebolito", sostiene il Financial Time alla vigilia del voto.

C'è attesa in mattinata per l'incontro tra i leader politici Enrico Letta e Matteo Salvini mentre alle 11 dovrebbe essere andato in scena un altro vertice fra Giuseppe Conte, Enrico Letta e Roberto Speranza. Hanno già deciso per la scheda bianca i grandi elettori di Italia Viva e nella stessa direzione dovrebbe andare anche Fratelli d'Italia che ha riunito i suoi alle 10.30.

Alle 11, la riunione è per decidere "quale proposta fare e quale atteggiamento assumere nelle prime votazioni" quelli di Azione e +Europa. Alla stessa ora il segretario dell'Udc Lorenzo Cesa ha convocato i grandi elettori del suo partito e alle 13.15 Montecitorio si terrà l'assemblea dei grandi elettori di Forza Italia-Udc. Alle 14, poi, è in programma quella di Coraggio Italia.

I dettagli nel servizio odierno del TG:

Contenuto esterno


 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?