Navigation

Il pensionato che archivia i casi di morti sul lavoro, per non dimenticare

Keystone / Mourad Balti Touati

Il numero ufficiale di morti bianche in Italia ha oltrepassato il migliaio negli ultimi dieci mesi, ma si teme che quelle complessive siano almeno il 30% in più.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 dicembre 2021 - 20:49
tvsvizzera.it/MaMi

Le morti sul lavoro, o morti bianche sono un dramma che colpisce molti Paesi, tra cui l'Italia. Tragedie che avvengono soprattutto sui cantieri e che fanno registrare numeri impressionanti. Solo negli ultimi dieci mesi, le persone che hanno perso la vita sul posto di lavoro, sono state oltre mille. Ma il loro numero complessivo - si stima - potrebbe essere molto più alto. 

Più lavoro, più incidenti

L’economia italiana corre più che negli altri Paesi europei, il settore edile traina la ripresa, +15% quest’anno, grazie ai fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e le agevolazioni fiscali disposte dal governo. Un rapido aumento di lavoro che ha fatto crescere anche gli infortuni e le morti nei cantieri. Oltre mille persone hanno perso la vita sul lavoro da gennaio a ottobre di quest’anno, e c’è chi denuncia che le morti bianche sono molte di più.

Carlo Soricelli, metalmeccanico in pensione, da quattordici anni registra le notizie delle morti sul lavoro che trova, sui giornali, sul web. I dati superano puntualmente le stime ufficiali, fino al 30% in più, includendo i lavoratori in nero che nessuno denuncia. Il suo e altri interventi nel reportage di Enrico Marra.

Contenuto esterno


 


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?