Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Il Mozart dello snowboard

Pat Burgener, di Crans-Montana, affronta piste e concerti con la stessa disinvoltura; ha all'attivo due videoclip e nel 2016 uscirà il suo album

Fra i personaggi più originali delle nevi svizzere, il Mozart dello snowboard. Così chiamano Pat Burgener, un atleta di Crans-Montana che affronta piste e concerti con la stessa disinvoltura.

"Volevo diventare il nuovo Roger Federer", racconta, "poi ho tentato di fare il calciatore, poi il cestista; ho provato di tutto ma mi stancavo subito. Invece lo snowboard l'ho cominciato da piccolo e a un certo punto quando ho imparato a fare le prime acrobazie ho pensato "wow, è questo che voglio fare nella vita".

Libero e felice sulla neve, in classe Pat era talmente a disagio che a un certo punto i suoi genitori decisero di non mandarlo più a scuola.

"Una decisione come questa nella nostra società non è facile", spiega la mamma Pauline, "Ci dicevano tutti che eravamo pazzi ma noi abbiamo preferito ascoltare il suo cuore ed eravamo sicuri che sarebbe diventato un grande sportivo".

Avevano ragione. Diventato professionista di snowboard a 15 anni, Pat comincia a guadagnare medaglie. Ma arrivano anche gli infortuni, che lo privano dei giochi olimpici di Vancouver e di Sotchi. Per fortuna ha la sua chitarra:

"A ogni infortunio mi sono fatto aiutare dalla musica, che mi ha insegnato a non pensare soltanto allo snowboard e alle competizioni. Ora mi dedico ad entrambe le mie passioni, ho imparato a rilassarmi e ho un pò cambiato mentalità".

Al suo attivo, il Mozart dello snowboard ha già due videoclip molto cliccati su internet. L'estate prossima uscirà il suo album. Tutto questo in attesa di realizzare il sogno olimpico, nel 2018, in Corea del Sud.

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×