Navigation

Il ministro Berset fatto atterrare da un caccia francese

Una passione per il volo Keystone / Alessandro Della Valle

La precisazione di Berna: non vi sono procedimenti a carico del ministro Berset per lo sconfinamento in una zona aerea militare in Francia.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 luglio 2022 - 21:02
tvsvizzera.it/spal con Keystone-ATS

Contrattempo durante le vacanze per il consigliere federale Alain Berset che è stato costretto ad atterrare mentre stava pilotando lo scorso 5 luglio un aereo da turismo sopra il territorio francese.

Alla fine non c'è stato nessun incidente diplomatico tra Berna e Parigi ma un disguido ha creato qualche istante di apprensione nei cieli a ovest della Confederazione.

In un comunicato del Dipartimento federale dell'interno, pubblicato dopo le anticipazioni della Neue Zuercher Zeitung, all'origine dell'intervento dell'aviazione militare transalpina vi sarebbe "un'errata interpretazione delle informazioni ricevute dal controllo del traffico aereo prima del volo" da parte del ministro della sanità che sarebbe entrato in uno spazio aereo interdetto al traffico con l'apparecchio che aveva noleggiato.

Contenuto esterno

Si tratterebbe di una zona militare senza contatto radio in cui avrebbe sconfinato il Cessna, in viaggio tra Dole e Thouars. Non era previsto un piano di volo in quanto non necessario dal momento che era di tipo VRF, a bassa quota e a vista. 

Costretto ad atterrare

Su ordine della polizia aeronautica francese il piccolo monomotore è stato raggiunto da un aereo da combattimento Rafale che lo ha affiancato e scortato a terra. Una volta atterrato il politico friburghese, indica la nota, è stato sottoposto a un controllo di identità e ha avuto uno scambio di opinioni sui fatti contestati con i rappresentanti di Parigi.

La vicenda comunque non sembra lasciare strascichi. Dopo le spiegazioni di rito il consigliere federale ha potuto proseguire il suo itinerario aviatorio e, a "conoscenza" delle autorità federali, "non è stata aperta alcuna procedura giudiziaria" a suo carico.   

Il volo per diporto costituisce un passatempo apprezzato da Alain Berset, che nel 2009 ha conseguito il brevetto di pilota e occasionalmente gli capita di noleggiare velivoli da turismo.  

Esperti di aviazione severi

L'esperto di aviazione Max Ungricht, interpellato da "20 Minuten", segnala che lo spazio aereo è solitamente chiuso sopra le centrali nucleari, le installazioni militari o gli aeroporti e "se la polizia aerea deve intervenire, è davvero imbarazzante per un pilota privato" poiché significa che il signor Berset non ha preparato il volo con sufficiente serietà o non ha tenuto d'occhio il GPS".

Secondo Ungricht, un incidente come quello accaduto martedì a Berset viene solitamente punito con un avvertimento o una multa. È anche possibile sia chiesta una partecipazione ai costi dell'operazione.

Sepp Moser al Blick ha detto invece che il caso "non è così drammatico" ma "per un pilota, un incidente del genere è perlomeno imbarazzante". Se fosse membro di un club di volo, ha continuato, probabilmente verrebbe preso in giro qualche e "sicuramente dovrebbe pagare un giro".

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?