Navigation

“È tempo che le armi tacciano definitivamente”

Siria e terrorismo hanno dominato il messaggio natalizio di Papa Francesco, che ha preceduto la tradizionale benedizione “Urbi et Orbi”.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 dicembre 2016 - 17:04
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 25.12.2016)
Contenuto esterno


"Pace - ha detto il Pontefice - agli uomini e alle donne nella martoriata Siria, dove troppo sangue è stato sparso. Soprattutto nella città di Aleppo, teatro nelle ultime settimane di una delle battaglie più atroci, è quanto mai urgente che nel rispetto del diritto umanitario, si garantiscano assistenza e conforto alla stremata popolazione civile, che si trova ancora in una situazione disperata e di grande sofferenza e miseria. È tempo che le armi tacciano definitivamente e la comunità internazionale si adoperi attivamente perché si raggiunga una soluzione negoziale e si ristabilisca la convivenza civile nel Paese".

Non è poi mancato un richiamo alla Terra Santa. Papa Bergoglio ha chiesto a palestinesi e israeliani di “avere il coraggio e la determinazione di scrivere una nuova pagina della storia, in cui odio e vendetta cedano il posto alla volontà di costruire insieme un futuro di reciproca comprensione e armonia". Volgendo lo sguardo poi a Iraq, Libia e Yemen, il Pontefice ha citato per la prima volta la sofferenza dei popoli per "efferate azioni terroristiche".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.