Navigation

Il Leone d'oro va in Francia

La regista Audrey Diwan con il massimo premio veneziano Keystone / Ettore Ferrari

 A grande sorpresa, è stato il film francese "L’événement"Link esterno della regista Audrey Diwan a vincere il Leone d’oro alla 78esima edizione del Festival di Venezia.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 settembre 2021 - 06:00
tvsvizzera.it/mrj con Keystone-ATS

Ad assegnarglielo la giuria presieduta da Bong Joon Ho (il regista di “ParasiteLink esterno”) e composta da Saverio Costanzo, Virginie Efira, Cynthia Erivo, Sarah Gadon, Alexander Nanau e Chloé Zhao. “L’évenement” racconta la storia di una studentessa universitaria, interpretata da Anamaria Vartolomei, che nella Francia all’inizio degli anni ’60 vuole abortire, quando questa procedura cioè era illegale.

La pellicola italiana “È stata la mano di DioLink esterno” di Paolo Sorrentino – in molti si aspettavano che andasse a lui il Leone d’oro – ha invece vinto il Leone d’argento Gran premio speciale della giuria. Racconta la storia del 17enne napoletano Fabietto Schisa, la cui vita cambia radicalmente in seguito all’arrivo di Diego Armando Maradona nella squadra partenopea e a un grave incidente che interrompe la felicità della famiglia.

Il Leone d’argento per la migliore regia è invece andato a “The Power of the DogLink esterno”, film australiano-neozelandese diretto da Jane Campion. Si tratta di un adattamento dell’omonimo romanzo del 1967 di Thomas Savage: un western ambientato nel Montana della metà degli anni Venti che narra le vicende del cowboy inflessibile e crudele Phil Burbank (interpretato da Benedict Cumberbatch).

Gli altri premi

  • Premio speciale della giuria: “Il bucoLink esterno” di Michelangelo Frammartino
  • Premio per la migliore sceneggiatura: “The Lost Daughter” di Maggie Gyllenhaal
  • Miglior interpretazione femminile: Penélope Cruz per il film “Madres parallelasLink esterno” di Pedro Almodóvar
  • Miglior interpretazione maschile: John Arcilla per il film “On the Job: the Missing 8Link esterno” di Erik Matti
  • Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore emergente: Filippo Scotti per il film “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino.
End of insertion

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.