Navigation

Il candidato all'Eliseo Zemmour condannato per odio razziale

Contenuto esterno

Il candidato di estrema destra alle presidenziali francesi, Eric Zemmour, è stato condannato per incitamento all'odio razziale e offese razziste, per aver definito i migranti minorenni dei "ladri, assassini e stupratori". Per queste sue esternazioni dovrà pagare una multa di 10'000 euro. Condannato a 3'000 euro anche il direttore Jean-Christophe Thiery della TV CNews, emittente che ha diffuso le dichiarazioni incriminate. In un comunicato, Zemmour - che ha annunciato che farà ricorso contro questa decisione - ha definito la sanzione "ideologica e stupida": per l'esponente della destra si tratta della "condanna di uno spirito libero da parte di un sistema giudiziario invaso dagli ideologi".

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 gennaio 2022 - 22:03

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?