Navigation

Il campeggio si reinventa

Ilc ampeggio in fattoria permette di evitare i grandi affollamenti © Keystone/ Valentin Flauraud

Esiste in Svizzera un’alternativa legale al campeggio selvaggio (su questa paginaLink esterno trovate le regole per campeggiare nella Confederazione): diversi agricoltori, viticoltori e allevatori che hanno aderito alla piattaforma NomadyLink esterno mettono a disposizione degli spazi per chi vuole vivere un’esperienza diversa dal solito.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 agosto 2021 - 20:27
tvsvizzera.it/mrj

Un’iniziativa che si è diffusa anche a sud delle Alpi: in Ticino esistono attualmente 11 postazioni immerse nel verde che possono essere prenotate tramite Nomady, dalla Valle Leventina fino a Chiasso.

Un’attività accessoria che aiuta, almeno parzialmente, un settore che sta vivendo un momento delicato a livello economico a causa della pandemia e, più recentemente, dei danni causati dal maltempo.

Contenuto esterno

Non si tratta, però, solo di mettere a disposizione degli spazi per gli amanti delle vacanze all’aria aperta, ma anche di creare un legame con il territorio, in un periodo in cui si sceglie sempre più spesso di passare le vacanze nel proprio Paese. Sempre di più, inoltre, i turisti local cercano prodotti altrettanto local e, di preferenza, provenienti dall’agricoltura biologica, che sono spesso messi a loro diposizione nei luoghi dove scelgono di accamparsi.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.