La televisione svizzera per l’Italia

Il bando in pubblico dei simboli nazisti e razzisti in Svizzera è (quasi) servito

La palla passa ora al Consiglio nazionale.
La palla passa ora al Consiglio nazionale.< Copyright 2018 The Associated Press. All Rights Reserved.

Un primo passo verso il divieto di simboli estremisti, in particolare nazisti, razzisti e discriminatori, lo ha compiuto mercoledì la Camera altra, adottando tacitamente una mozione in tal senso. Sulla questione si dovrà ora pronunciare anche il consiglio Nazionale.

L’atto parlamentare invita il Governo a creare le basi legali affinché sia sanzionabile l’uso, l’esposizione e la diffusione pubblici di mezzi, segni e simboli di propaganda a sfondo razziale, di violenza o estremista.

A titolo di esempio vengono menzionati i simboli nazionalsocialisti, quali gesti, slogan, forme di saluto, distintivi e bandiere, in particolare di un’associazione intesa a discreditare o calunniare sistematicamente persone per la loro razza, etnia o religione.

Il plenum ha tuttavia respinto, con 23 voti contro 16, una mozione inoltrata dall’allora consigliera nazionale del Centro (oggi agli Stati) Marianne Binder, che si riferiva però solo ai simboli che richiamano il Terzo Reich.

Contenuto esterno

La senatrice argoviese ha difeso il suo atto parlamentare, a suo dire ancora più attuale che mai tenuto conto dei rigurgiti di antisemitismo riscontrabili anche in Svizzera in seguito al conflitto in corso a Gaza.

Il plenum ha preferito dare priorità alla mozione elaborata, in maniera più generale, dalla Commissione degli affari giuridici: la simbologia nazista e l’antisemitismo, è stato evidenziato, cadrebbero in ogni caso nel raggio d’azione dell’atto parlamentare citato.

Con la decisione odierna la mozione Binder, che era stata approvata dall’altra Camera, viene definitivamente archiviata. In proposito la consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider ha osservato che bisogna dare ai giudici un certo margine di apprezzamento, specie per quanto attiene all’uso di questi simboli in ambito pedagogico-educativo.

Attualità

Attentato in Piazza delle Loggia a Brescia.

Altri sviluppi

Strage di Piazza della Loggia, spunta una traccia ticinese

Questo contenuto è stato pubblicato al L’attentato di matrice neofascista in Piazza della Loggia a Brescia nel 1974 provoca 8 morti e 102 feriti. Da documenti desecretati, oggi emergono legami con la Svizzera italiana.

Di più Strage di Piazza della Loggia, spunta una traccia ticinese
L'attrice Mikey Madison in una scena del film "Anora"

Altri sviluppi

A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro

Questo contenuto è stato pubblicato al Al 77esimo Festival del film, il premio della giuria è andato a "Emilia Perez" di Jacques Audiard, mentre il premio speciale se lo è aggiudicato "Il seme del fico sacro", del regista dissidente Mohammad Rasoulof.

Di più A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro
Kharkiv

Altri sviluppi

Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv

Questo contenuto è stato pubblicato al L’esercito di Mosca colpisce, con due bombe plananti, un centro commerciale della seconda città ucraina. I morti potrebbero essere decine.

Di più Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv
Sono circa 500 le persone che hanno partecipato in maniera pacifica.

Altri sviluppi

Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa

Questo contenuto è stato pubblicato al La manifestazione si è svolta in risposta ad un servizio tv sulla vicenda di una donna violentata e picchiata nell'appartamento di un avvocato. Un caso per il quale le autorità non avrebbero agito come avrebbero dovuto.

Di più Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa
Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR